Art Nouveau a Riga – itinerario di architettura

Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

riga art nouveauUno dei motivi per cui la capitale della Lettonia era in cima alla mia lista è la sua architettura: con oltre 800 edifici in stile Liberty – quasi un terzo del totale! – Riga merita decisamente il titolo di capitale Art Nouveau d’Europa. Ed è un peccato che non sia famosa per questo stile quanto altre capitali come Bruxelles o Vienna, perché la Lettonia vanta un’incredibile varietà, qualità e originalità di edifici.

Così mi sono organizzata una passeggiata architettonica alla scoperta dell’Art Nouveau di Riga, che attraversa le stradine acciottolate del centro storico e prosegue fino al quartiere periferico che viene chiamato proprio Art Nouveau District (a nord del centro storico, a circa 20-30 minuti a piedi).

Questo itinerario è stato una specie di caccia al tesoro artistica che mi ha riservato sorprese inaspettate nei dettagli eleganti e simbolici delle facciate, ed è stato anche l’occasione per adocchiare un paio di birrerie e ristoranti interessanti lungo il percorso.riga art nouveau

Il Museo dell’Art Nouveau di Riga

Non solo deve essere incluso nell’itinerario, ma secondo me è importante che costituisca il punto di partenza, perché è utilissimo per capire il contesto della Lettonia ai primi del ‘900 e conoscere le caratteristiche dello stile locale e i principali architetti che hanno lavorato in città. Il Museo dell’Art Nouveau è ospitato in uno degli appartamenti dello splendido palazzo situato in Alberta iela n. 12, progettato per sé stesso da Konstantīns Pēkšēns, forse il più grande architetto lettone di questa corrente artistica.

Un altro architetto chiave è Mikhail Eisenstein, che ha progettato numerosi edifici in città, tra cui molti allineati lungo Alberta iela, la via principale del quartiere Art Nouveau. Per la serie il mondo sovietico è piccolo, ho poi scoperto che l’Eiseinstein architetto era il babbo dell’Eisenstein regista, quel Sergej della Corazzata Potemkin e di Ivan il Terribile che ha ossessionato Fantozzi e generazioni di studenti di cinema.riga art nouveau

Divagazioni cinematografiche a parte, ecco l’itinerario Art Nouveau a Riga che ho seguito dopo la visita al museo, per le strade della città. Spero che ti sia utile, e se decidi di seguirlo anche te lasciami un commento e fammi sapere com’è andata!

Riga Art Nouveau – un itinerario di architettura

Nel quartiere Art Nouveau:

Alberta iela – quasi tutti gli edifici che si affacciano su questa elegante strada sono magnifici esempi di architetture art nouveau, e tra i tantissimi te ne segnalo solo alcuni che sono i più importanti o particolari:

  • 2 – uno dei palazzi che mi sono piaciuti di più, con la facciata traforata come un merletto nella parte terminale e decorato con severe sfingi, elmi da cavaliere, spiriti del folklore locale.riga art nouveau
  • 8 – il più famoso e originale, con le sue piastrelle azzurro brillante e pieno di figure simboliche: dal grottesco mascherone centrale ai satiri, fino a strani rapaci e intricati alberi.
  • 13 – la Scuola Superiore di Giurisprudenza è un tripudio di decorazioni enigmatiche e fantasiose, come le teste di leone che si trasformano in code di serpente e i capitelli a forma di mascheroni urlanti che reggono le colonne sui loro turbanti.
  • 2, 2a, 4, 6, 8, 11, 12 e 13 – tutti questi sono stati progettati da Mikhail Eisenstein.art nouveau riga

Elizabetes iela Anche questo viale che costeggia un bel parco è ricchissimo di edifici affascinanti.

  • 10b – il più famoso edificio di Riga in questo stile che ne riassume tutte le caratteristiche, dai mascheroni femminili angolari all’uso delle piastrelle azzurre, fino ai riferimenti al folklore lettone e ai tanti animali simbolici come civette e pavoni.
  • 10a – situato proprio accanto al precedente, è altrettanto bello e originale (sotto ai balconi ci sono dei soli che ridono), entrambi sono opera di Eisenstein.art nouveau riga

Strēlnieku 4a – un altro capolavoro di Eisenstein con il tipico rivestimento di piastrelle blu e sensuali dee che reggono ghirlande. Dopo anni di abbandono e scellerati riusi, oggi ospita la prestigiosa Scuola di Economia di Stoccolma.

 

Nel centro storico:

  • Jauniela 25 – famoso per la sua facciata di pietra dominata dalla faccia di una donna, questo edificio del centro dopo anni di abbandono è stato restaurato e oggi ospita il lussuoso Neiburgs Hotel.
  • Kalēju 23 – un edificio molto caratteristico, pieno di colori e particolari curiosi, come l’elaborata pensilina di ingresso con la lampada a forma di fiore, le margherite ed un grande sole dorato.
  • Šķūņu 10/12 – un grande e elegante edificio riccamente decorato con intricati ricami vegetali quasi barocchi, e numerosi simboli come la squadra e il compasso e la lettera D, iniziale del proprietario. Alla sommità un grosso cane fa la guardia alla casa.
  • Smilšu 2 – tra i mattoni rossi e gialli emerge in pietra un intrico di rami, alberi e tralci di vite che poi si trasformano in sensuali cariatidi che reggono il balcone.
  • Smilšu 8 – la facciata è ornata con donne svestite che reggono una ghirlanda, strani gargoyles e una bellissima e enigmatica faccia di donna dagli occhi chiusi.art nouveau a riga

Vīlandes iela – una stradina tranquilla e un po’ decentrata, ricca di splendidi esempi di architettura Art Nouveau a Riga, anche se molti sono in cattive condizioni e hanno bisogno di essere restaurati. Le costruzioni più famose sono quelle situate ai numeri 10 e 11.

Se stai organizzando un viaggio in Lettonia ti consiglio di leggere anche:


Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Può interessarti anche:

4 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *