Zaino da viaggio: quale scegliere?

Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 3
  •  
  •  
  •  

Come tutti, quando ho iniziato a viaggiare zaino in spalla mi sono posta la domanda tanto ovvia quanto cruciale: quale zaino da viaggio usare? All’inizio ho puntato su quello che avevo già e su articoli e attrezzature economiche. Piano piano con gli anni ho cambiato gli zaini, ho imparato quali sono le mie necessità e quali prodotti le soddisfano.

Ho anche iniziato a spendere un po’ di più per la mia attrezzatura, privilegiando la qualità al risparmio a tutti i costi. Che non vuol dire spendere una fortuna, ma stabilire quali sono le proprie esigenze e trovare il prodotto che risponde a tutte, al costo minore.

Risparmiare sullo zaino in cui dovrai trasportare tutti i tuoi averi per qualche settimana e che devi caricarti sulla schiena senza rompertela non è una mossa furba. Qualche decina di euro in più spesa oggi corrisponde ad un guadagno senza prezzo in termini di qualità del viaggio.zaini da viaggio

Prima di affrontare l’argomento backpack spendo due parole sull’anti-zaino: spesso ho fatto viaggi che considero a tutti gli effetti “zaino in spalla” usando il trolley bagaglio a mano – il famoso trolley verde acido che da il nome al blog, questo qui – di solito quando ci sono da fare pochi spostamenti in una zona urbanizzata. Ma il trolley non va bene per i viaggi più avventurosi e alle lunghe si è rivelato scomodo: adesso preferisco usare sempre lo zaino da viaggio, anche quando potrei comunque portare il trolley, che continuo a usare per brevi viaggi in treno.

Come avrai capito ci ho messo del tempo e diversi tentativi per trovare la formula per il bagaglio perfetto per i miei viaggi zaino in spalla. Magari in futuro troverò soluzioni ancora migliori e aggiornerò questo post, ma spero che la mia esperienza ti aiuti a fare la scelta migliore da subito!

zaino per viaggiare

il trollino verde acido a Salsomaggiore Terme. Foto di Maurizio Bilanceri

Zaino da viaggio: quale scegliere?

L’immagine che quasi tutti abbiamo del backpacker è quella di un ragazzo con un enorme zaino alto quasi quanto lui. Quegli zaini che si sviluppano in altezza come questo sono pensati per il trekking e l’escursionismo e non sono affatto pratici per viaggiare, sia perché sono scomodi, sia perché hanno l’apertura in alto. Se ti serve qualcosa che sta infondo devi tirare fuori un metro di strati di roba prima di trovare quello che ti serve. E poi sono davvero troppo grandi, tali dimensioni sono giustificate solo per viaggi molto lunghi e per condizioni particolari, come appunto le escursioni in montagna.

Ho trovato una valida alternativa negli zaini bagaglio a mano dalla forma più compatta e rettangolare che hanno l’apertura frontale, esattamente come le valige e i trolley. L’anno scorso ho comprato il mio fedele zaino bagaglio a mano Cabin Max Equator e sono più che soddisfatta dell’acquisto. Ha tutto quello che cercavo da uno zaino da viaggio: apertura frontale, comodità quando lo indosso, dimensioni adatte alla cappelliera delle compagnie low cost e molte tasche esterne e interne. La capacità è di 44 litri, e mi sono abbondantemente bastati anche per i viaggi lunghi (oltre 2 settimane).

zaino da viaggio

Io e il mio zaino bagaglio a mano alla stazione di Santa Maria Novella, in partenza per Fuerteventura. Da qui partono quasi tutti i miei viaggi!

Qualche consiglio pratico per la scelta dello zaino da viaggio:

  • Scegli un modello che abbia gli spallacci imbottiti e anche quelli che si allacciano in vita (bilanciano il peso e fanno la differenza tra avere il mal di schiena e non averlo).
  • Assicurati che il rivestimento impermeabile sia incluso.
  • Valuta il peso dello zaino vuoto, oltre che le dimensioni.
  • Non sceglierne uno troppo grosso, perché poi tenderai a riempirlo di più e ti porterai addosso del peso non necessario. Uno zaino un po’ più piccolo invece ti insegna a rinunciare al superfluo e a viaggiare più leggero.
zaino bagaglio a mano

La gioia di riabbracciare il mio zaino bagaglio a mano dopo che me l’hanno smarrito in aeroporto

Zaini da viaggio: non dimenticare il daypack!

Il daypack merita un capitolo a parte perché è molto importante. Sto parlando dello zainetto piccolo che si usa per andare in giro il giorno durante il viaggio, quando si lascia la maggior parte del bagaglio in ostello o in hotel.

Quali caratteristiche deve avere un buono zaino da giorno?

  • Deve essere piccolo ma non troppo. Dentro deve starci macchina fotografica, cellulare, portafogli, guida turistica, ecc.
  • Deve essere morbido e leggero per poter essere schiacciato e arrotolato occupando poco spazio.
  • Deve avere qualche tasca, che fanno sempre comodo.
  • Deve essere impermeabile!
  • Non dico che debba essere bellissimo, ma nemmeno orribile. Diciamo che dovrebbe essere carino, per non farti sembrare un barbone o un turista tamarro.

Per diversi anni ho usato i classici zaini Eastpack: ne ho avuti due, il primo ha avuto una vita piuttosto lunga, mentre il secondo è durato un paio d’anni e poi ha cominciato a cadere a pezzi (l’ho vinto coi punti della Coop, sarà per quello?). L’ho recentemente mandato in pensione e ho fatto un salto di qualità.

zaino da viaggio

In viaggio in treno col Fjallraven Kanken e un bel libro (i racconti di Raymond Chandler raccolti in Il Blues di Bay City)

Mi sono comprata il famoso, leggendario e amatissimo Fjallraven Kanken e ora che ce l’ho capisco perché tutti quelli che ce l’hanno ne tessono le lodi. Il Kanken ha le dimensioni perfette per un daypack, è stato studiato per non distribuire al meglio il peso sulla schiena (e in effetti è comodissimo), è impermeabile e oltretutto è esteticamente molto carino – ormai è diventato un’icona – e lo fanno in tantissimi colori diversi. Su Amazon.it costa intorno ai 60-70 euro a seconda del colore, in negozio costa quasi 20 euro in più. Le imbottiture per gli spallacci sono vendute a parte, ma per me è sufficientemente comodo anche senza. Mi trovo talmente bene con questo zainetto che lo uso praticamente ogni giorno anche per andare al lavoro.

Viaggi zaino in spalla? Forse può interessarti anche:

zaino da viaggio: quale scegliere

Ti è piaciuto questo post? Condividilo!

Può interessarti anche:


Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 3
  •  
  •  
  •  

2 commenti

  • Anche io ho mandato in pensione il trolley e ormai viaggio ovunque con il Kanken: quello maxi per più giorni e quello come il tuo per i viaggi più brevi (ed è incredibile quante cose ci stiano!)
    Adesso sto anche valutando di prendere la versione mini da utilizzare come day pack.
    Buona giornata 😍

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *