Una visita al Cimitero di Valencia

Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

cimitero di valenciaLa terza volta è quella buona. Mi ci sono voluti tre viaggi prima di riuscire a visitare il cimitero di Valencia, ma finalmente l’ho spuntato dalla lista. Ne avevo sentito parlare (bene) come esempio di cimitero monumentale in Spagna ricco di sculture, cappelle e decorazioni in stili molto diversi. E in effetti è proprio così: è la controparte spagnola dei grandi cimiteri monumentali ottocenteschi a cui siamo ben abituati in Italia.

Il caso ha voluto che riuscissi a visitare il cimitero di Valencia proprio nel giorno dei morti, il 2 novembre. Di solito evito questa data per i miei Cemetery Safari, ma stavolta passando così poco tempo in città non avevo molte alternative.cimitero valencia spagna

Visita al cimitero di Valencia

È stato un giorno dei morti caldo, pieno di sole e di fiori freschi, talmente tanti che dopo un po’ il profumo ha cominciato a stordirmi (anche l’allergia ha contribuito). Era anche pieno di gente, non ho mai visto tanta gente insieme al cimitero, tutti vestiti a festa e con l’elenco degli amici e parenti da andare a trovare. L’elenco l’hanno stampato dalle comode colonnine touch screen che permettono di trovare i propri defunti e collocarli sulla mappa.

Il Cementerio General di Valencia si trova alla periferia sud-ovest della città, raggiungibile con una corsa in metro e una quindicina di minuti di passeggiata. Fu inaugurato nel 1807 e nel corso degli anni è stato ampliato più volte, fino ad ottenere l’aspetto odierno, quello di un grande cimitero monumentale a impianto razionale (come ad esempio quello delle Porte Sante a Firenze), ricco di cappelle funebri e sculture artistiche in ogni stile disponibile nell’arco dell’800.cimitero valencia

Il neoclassicismo è presente ovunque in tutte le sue sfumature, soprattutto nel portico che circonda la parte più antica del cimitero, scandito da colonne doriche monolitiche. Uno degli stili più popolari e rappresentati è il neogotico e uno degli esempi più belli di questo cimitero è la cappella de Lis, ispirata alle lanterne delle cattedrali francesi; in altri esempi il gusto gotico viene talmente esasperato e idealizzato da trasformarsi nel curioso medievalismo fantastico.cimitero monumentale valencia

Altre sepolture si ispirano invece al romanticismo o all’esotismo tanto di moda all’epoca, infatti c’è anche l’immancabile tomba a forma di piramide egizia. Non mancano nemmeno le correnti artistiche dei primi del ‘900, art nouveau e art deco soprattutto, con influenze sia locali che internazionali.

cimitero valencia spagna

Tra le cappelle funebri più importanti c’è il Pantheon della famiglia Suay, curiosamente ispirato alla tomba di Giuseppe Mazzini al cimitero di Staglieno, a Genova.

cimitero valencia

Il pantheon ispirato alla tomba di Mazzini a Staglieno

Ci sono decine di sculture, ma una delle più belle è sicuramente l’ambiguo angelo in marmo di Carrara realizzato dallo scultore Mariano Benlliure per la cappella della famiglia Moroder, che tiene aperta la porta tra il mondo dei vivi e quello dei morti. Un angelo decisamente più sensuale e meno romantico di quelli a cui siamo abituati.cimitero valencia angelo

Prima di riprendere l’autobus per tornare verso il centro ho approfittato di una grande invenzione che ho amato da subito: il bar del cimitero, una piccola caffetteria tutt’altro che lugubre dove prendere un caffè, un tè o una birra con gli amici. Se ce ne fossero di più probabilmente i cimiteri sarebbero posti più allegri.cimitero valencia bar

Non sono riuscita a trovare una mappa del cimitero di Valencia né online né in loco, e neanche una lista delle sepolture notevoli, ho cercato le tombe che mi interessavano un po’ a caso. Per avere un elenco delle opere artisticamente rilevanti ho trovato molto utile questo articolo di OltreMagazine.

Visitare i cimiteri mette fame! Se cerchi consigli gastronomici leggi il mio post su dove mangiare a Valencia.
In cerca di altri percorsi culturali? Segui il mio itinerario di architettura a Valencia.
Se invece vuoi scoprire il resto della città leggi la mia mini-guida su cosa vedere a Valencia.

cemetery safari valencia


Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Può interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *