Tanti buoni motivi per fare una vacanza a Benidorm

Condividi il viaggio!
  • 33
  •  
  •  
  •  
  • 15
  •  
  •  
  •  

vacanza a benidormSono stata diverse volte in vacanza a Benidorm, e devo ammettere che ci ho messo un po’ per capirla e farmela piacere. Questa città della Spagna sulla costa del Mediterraneo è una specie di divertimentificio low cost per britannici, un concentrato di brutti grattacieli e palazzoni raggruppati intorno ad una spiaggia, e addirittura la terza città della Spagna per numero di camere di hotel, subito dopo Madrid e Barcellona (solo che è molto più piccola). E allora perché uno dovrebbe andarci?

È da un po’ che penso e ripenso a Benidorm, volevo capire se mi piace o meno, e capire anche il perché. Il punto è che la trovo piena di difetti e costruita per un turismo di livello molto basso, e nonostante questo continuo a tornarci. Soprattutto continuo a tornarci volentieri, ogni anno non vedo l’ora che arrivi ottobre per godermi la mia vacanza a Benidorm (a prescindere dal festival fighissimo a cui vado ogni anno e che è il motivo principale dei miei regolari viaggetti da queste parti).benidorm vita notturna

Probabilmente perché io (e come me qualsiasi viaggiatore) non sono tenuta ad essere sempre una brava turista che visita musei e siti storici, approfondisce la cultura locale e cerca il lato più autentico dei luoghi che visitano. Prima o poi tutti abbiamo avuto voglia di mollare il museo per qualche mojito in spiaggia, o di scegliere una vacanza di relax e shopping invece che un tour culturale in una città d’arte, e io non faccio eccezione. Io stacco la spina una volta l’anno, smettendo di essere un’amante dell’arte e della storia, una viaggiatrice responsabile e mettendo in pausa la mia infinita curiosità e sete di conoscenza. Stacco la spina e vado a Benidorm a divertirmi in modo becero. A ballare fino a tardi, a mangiare schifezze, per poi dormire fino al pomeriggio e andare in spiaggia a guardare il tramonto con una birra fresca.

In vacanza a Benidorm

Quindi dopo queste profonde riflessioni esistenziali, ecco alcuni buoni motivi per fare una vacanza a Benidorm!

Qui invece ti racconto cosa fare a Benidorm!

vacanza a benidorm

vita da spiaggia e inglesi in mini scooter

Per la vita notturna

Questa è la ragione principale per cui migliaia di giovani e meno giovani, la maggior parte provenienti dal Regno Unito, vengo qui ogni anno, specialmente tra maggio e settembre. La città è piena di discoteche, locali con musica dal vivo festival rock and roll, night club, strip bar, e qualsiasi altra forma di divertimento notturno più o meno casto. È una specie di super market della vita notturna in grado di soddisfare quasi qualsiasi tipo di pubblico. Nightlife spicciola ovviamente, niente di troppo chic o ricercato: se ti sconvolge vedere ovunque inglesi ubriachi e imbarazzanti addii al nubilato forse Benidorm non fa per te, ma se sai coglierne il lato trash e umoristico il divertimento è assicurato.benidorm vita notturna

Per il clima

Benidorm si trova in un tratto di costa mediterranea con un microclima sub-tropicale. Questo si traduce in una lunga estate che va da aprile a fine ottobre. Non ci sono mai stata in piena estate, e immagino che faccia molto caldo. Ma a ottobre il clima è semplicemente perfetto, con belle giornate di sole e temperature così miti che tre anni fa ho fatto il bagno in mare il 2 novembre.

Per le spiagge

Due spiagge lunghissime, quella di Ponente e quella di Levante, divise al centro dal mirador e dal piccolo e animato centro storico. Entrambe le spiagge sono libere e a portata di piede, basta attraversare il viale lungomare e stendere l’asciugamano sulla sabbia, ma se vuoi un po’ più di comfort sono comunque ben attrezzate: per avere una sdraio basta piazzartici sopra, per avere un ombrellone basta aprirlo, e dopo pochi minuti arriva l’addetto a riscuotere i 4-5 euro per il noleggio. La Playa de Levante è quella più animata e piena di turisti, mentre la Playa de Poniente è più tranquilla e meno affollata.vacanza a benidorm

Per il Parque Natural de la Serra Gelada

Ogni anno quando vado a Benidorm noleggio una bici elettrica da Tao Bike e passo un pomeriggio pedalando nella natura. A pochi minuti di bici dal centro, dai bar e dai grattacieli c’è un’oasi naturale di pace dove si può passeggiare o andare in bicicletta. È il Parque Natural della Serra Gelada, dove una strada panoramica chiusa al traffico motorizzato si snoda lungo scogliere a picco sul mare, piccole spiagge e pendii ricoperti di vegetazione. È il posto perfetto per una fuga dal caos e dalla movida del centro, dove rigenerarsi e ricaricare le batterie.benidorm

Per il cibo

A Benidorm mangio sempre un sacco perché ci sono due delle cose che preferisco: tapas e colazione all’inglese. In pratica il meglio della cucina spagnola e di quella inglese nello stesso posto. L’apoteosi.

Per quanto riguarda le tapas ci sono un paio di strade pedonali del centro storico che sono famose per le taverne e le taperias, alcune storiche e pluri-premiate come la Cava Aragonesa. Sul versante colazione all’inglese invece non c’è da cercare molto: è praticamente ovunque a prezzi molto bassi, in compenso l’hash brown è surgelato di default.

benidorm

English breakfast vista mare

Perché è una meta low cost

Una vacanza a Benidorm è decisamente economica sotto ogni aspetto: dormire e mangiare costa mediamente molto poco, come in quasi tutta la Spagna del resto, ma qui i prezzi standard sono anche più bassi del solito; sicuramente molto più bassi di altre località di mare. Per esempio si riesce tranquillamente a trovare un appartamento per quattro persone a 40 euro a notte, magari al trentesimo piano di un grattacielo (esperienza personale agli Apartamento Gemelos). L’anno scorso invece ho prenotato una camera tripla a 45 euro a notte in un hotel a due stelle nel centro storico.

Calcola che anche andarci dall’Italia costa poco: bastano poche decine di euro per un volo Ryanair fino a Valencia o Alicante, e un biglietto dell’autobus ALSA per arrivare a destinazione.benidorm vita notturna

Perché è gay friendly

Il centro storico è la zona più arcobaleno della città, piena di locali e bar, ma la vita notturna è praticamente ovunque, anche lungo la spiaggia. Moltissimi hotel e strutture sono dichiaratamente gay friendly e spesso sono anche vietati ai minori di 18 anni. Non perché dentro ci si svolgano chissà quali festini a luci rosse, ma perché hanno scelto di rivolgersi soprattutto ad una clientela di festaioli notturni, che non va molto d’accordo con il target delle famiglie con bambini. A parte la speciale attenzione al turismo omosessuale, devo dire che Benidorm è molto accogliente con chiunque e soprattutto non giudica: è uno di quei posti dove ti senti libero di fare cosa ti pare ed essere come vuoi. Anche ridurti ad uno zombie che gira in pigiama e ciabatte, tanto c’è sempre qualcuno messo peggio di te.

Dove dormire a Benidorm

Ci sono talmente tante soluzioni per ogni tipologia di viaggiatori e per ogni tasca che è impossibile non trovare la sistemazione giusta. Ormai ne ho provati tanti e sono diventata un’esperta in fatto di hotel e appartamenti in questa città della Spagna.

Te ne suggerisco due al volo, ma ho scritto un post dedicato proprio a dove dormire a Benidorm in cui trovi tutti gli hotel e appartamenti che ho provato e che ti consiglio.

Una posizione molto comoda è sicuramente il centro storico, che è pieno di hotel e pensioni non particolarmente belli ma molto economici. In passato sono stata all’hotel Colon, e te lo consiglio per il rapporto qualità-prezzo (la media nella zona è decisamente più bassa) e per la posizione centralissima di fronte al mare.

L’opzione più popolare a Benidorm sono gli appartamenti: ce ne sono per tutte le fasce di prezzo, e spesso si trovano all’interno di qualche grattacielo, così c’è anche il bonus vista. Gli Apartamentos Amalia sono puliti e confortevoli, hanno un balcone con vista sulla città e si trovano a 10 minuti a piedi dalla spiaggia e dal centro.


Per organizzare il viaggio ti consiglio:

Può interessarti anche:


Condividi il viaggio!
  • 33
  •  
  •  
  •  
  • 15
  •  
  •  
  •  

17 commenti

  • Che mi hai ricordato! Sono stata a Benidorm 10 anni fa, avevo un amico in Erasmus ad Alicante e non mi piacque proprio per gli stessi identici motivi che hai elencato nell’introduzione! Calcola anche che non sono fan della vita notturna e di quella da spiaggia, per me é stato un supplizio! Valentina

  • Io ho prenotato adesso…..qual è il festival di cui parlavi? ?

  • A Benidorm si va solo per il Funtastic Dracula, lol !!! 😉
    Ciao Claudia !

  • Frequento Benidorm dal 2012 e ti dirò che è diventata la mia seconda casa o addirittura penso sia diventata la prima visto che negli ultimi 12 mesi, qui ne ho passati quasi 8. Fra pochi giorni riparto per l’italia con voglia sotto zero, dopo aver passato tutto l’inverno: perché soffrire l’inverno del nordest quando a Benidorm puoi avere temperature primaverili anche a gennaio/febbraio? Quest’anno ci sono stati 8 gg di freddo con vento forte e pioggia (tanta) e temperature di 10/12 gradi max. Ecco l’inverno! Ogni santo giorni almeno i 16 gradi li ha raggiunti e il primo bagno l’ho fatto già a gennaio. Bisogna abituarsi al vento, quello si! Settembre, ottobre e novembre sono mesi fantastici e li preferisco rispetto a luglio e agosto. Concordo sul divertimento e ti dirò per me gli inglesi sono un divertimento. Amo il fatto che la seconda lingua sia l’inglese….Amo il fatto che non ti serva l’auto per girare in città (quasi 70 mila abitanti), il costo della vita è perfetto!
    Ciao Luca

  • Ciao, per inizio Giugno (prima o seconda settimana) che movimento c’è là? Tanta gente, vita notturna come nel cuore dell’estate oppure è un po’ più smorta?

    Grazie 🙂

  • Io ho lavorato da quelle partie mi è rimasta un po nel cuore.peccato che ho poco tempo per andarci

  • Mi hai fatto tornare indietro nel tempo parlando di Benidorm,io ci andai la prima volta nel lontano 1993,mi ricordo che feci un intensa vita notturna e già a quel tempo Benidorm era considerato un divertimentificio,rammento che i locali erano continuamente aperti e mangiai del pesce alla griglia alle 8 del mattino
    Non mi ricordo di turisti inglesi ubriachi,ma tanti spagnoli e italiani (io andai a Benidorm nel mese di luglio)ricordo anche che la discoteca più pubblicizzata era il penelope,c’erano p.r ovunque che consegnavano volantini.
    Devo dire che fù una delle vacanze più belle della mia vita,Benidorm ti rimane nella mente,ma sopratutto nel cuore.

  • ciao Claudia,
    mi sai dire quante gelaterie -italiane- ci sono?
    grazie. Guido -ud

    • claudia garage

      Ciao Guido! Non saprei, ma non ne ho viste molte, ci sono tornata anche a ottobre e non me ne viene in mente nessuna! Se stai pensando di aprirne una tu ti faccio un enorme in bocca al lupo! Fammi sapere, che semmai vengo a mangiare il gelato da te il prossimo anno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *