Glasgow Necropolis – cimitero vittoriano con vista

Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

glasgow necropolisUn cimitero vittoriano su una collina che domina la città e la cattedrale, che racconta un po’ di storia della Scozia attraverso le sue tombe scolpite e i suoi monumenti. È la Glasgow Necropolis, e anche se non sei un appassionato di cimiteri ti consiglio proprio di visitarla, anche soltanto per la splendida vista che si può ammirare dalla cima della collina e lungo la salita.

Quando ci sono stata c’era la classica giornata scozzese, piovigginava e faceva freddo, ma ogni tanto usciva il sole per darmi un’idea di come possa essere piacevole passeggiare in questo cimitero verde e panoramico come un parco. Magari in una bella giornata è anche più popolato di vivi, quel giorno ero l’unica visitatrice e la necropoli deserta e coi nuvoloni che incombono era un pochino sinistra.

Iscriviti alla newsletter di Viaggi Verde Acido per scaricare gratuitamente la Checklist dei cimiteri monumentali italiani!

Iscriviti alla newsletter



cimitero-glasgow-necropolis

La Glasgow Necropolis fu inaugurata nel 1833, ed era già al completo nel 1851, meno di vent’anni dopo, quindi le sue tombe sono piuttosto omogenee per quanto riguarda il periodo storico, e in un certo modo anche nello stile. È un classico cimitero vittoriano ricco di monumenti solenni, di personaggi importanti e di simboli funebri tradizionali dell’epoca.

Per approfondire leggi anche: guida pratica ai simboli dei cimiteri e al loro significato.

Molte sepolture sono state realizzate da famosi architetti scozzesi di metà ‘800 come Alexander Thomson e David Hamilton, e come andava di moda all’epoca si fa ampio uso degli stili revival: revival greco e romano, ma anche egizio e celtico.

Una curiosità: per entrare al cimitero si attraversa un ponte chiamato Bridge of Sighs, cioè il ponte dei sospiri. Che ovviamente non ha niente a che vedere con quello di Venezia, i sospiri in questione qui erano quelli dei familiari a lutto che andavano ai funerali.

glasgow necropolis

The Bridge of Sighs, il ponte dei sospiri

La cima della collina è dominata dal monumento funebre a John Knox, leader della riforma protestante nel ‘500 e figura chiave nella fondazione della Chiesa di Scozia, che se ne sta appollaiato sulla sommità di una colonna dorica. Tutto intorno si stendono le altre tombe, disposte in maniera piuttosto libera e senza schemi rigidi, affiancando i sentieri in salita e adattandosi alla pendenza del colle. Ci sono molte altre importanti personalità scozzesi che riposano qui, anche se da noi sono nomi praticamente sconosciuti ai più ed evito di elencarli, ma se sei curioso trovi la lista completa delle sepolture celebri su Wikipedia.cimitero scozia

 

La collina su cui si stende la Glasgow Necropolis non è molto alta, ma è in posizione dominante sulla città, e una volta arrivati in alto, se il tempo non fa schifo, lo sguardo raggiunge tutta la città e arriva fino al mare. Ma il cimitero offre una splendida vista anche sull’altro versante, quello che guarda verso la cattedrale e su cui si snoda il sentiero che porta alla cima. Risalendo la collina, tra le tombe di pietra grigia e l’erba verdissima, si apre la visuale sulla cattedrale, e le sue guglie e le delicate decorazioni gotiche sono talmente vicine che la chiesa sembra più grande e maestosa di quanto non sembri dal basso.glasgow necropolis cimitero

A proposito, la cattedrale di Glasgow è davvero bella, l’ingresso è gratuito e dentro ci sono dei volontari super gentili a disposizione dei visitatori per rispondere alle domande, segnalare le opere più importanti (come la tomba di San Mungo nella antica chiesa inferiore) e fornire informazioni sulla storia della cattedrale e della Chiesa di Scozia. Ti consiglio di pianificare la visita alla Glasgow Necropolis in modo che concordi con gli orari di apertura della cattedrale e di visitare entrambe.

Ammetto che Glasgow mi è piaciuta un sacco e l’ho trovata perfetta per me, più di Edimburgo, che seppur molto bella e affascinante è meno nelle mie corde. Se cerchi altri consigli su questa città poco turistica ma molto interessante della Scozia, leggi anche:

Glasgow: 10 esperienze da non perdere

 

Mackintosh e un itinerario Art Nouveau a Glasgow

cattedrale di glasgowcancello del cimiteroglasgow necropolis


Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Può interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *