Trieste sotterranea: visita alla Kleine Berlin

Condividi il viaggio!
  • 485
  • 5
  •  
  •  
  • 12
  •  
  •  
  •  

kleine berlinUna delle esperienze a cui tenevo di più del mio viaggio a Trieste era la visita della Kleine Berlin: un complesso di gallerie sotterranee antiaeree risalenti alla Seconda Guerra Mondiale che oggi si possono esplorare con delle visite guidate. Un viaggio nella storia recente della città, ma anche in una Trieste sotterranea artificiale, ma che per molti versi ricorda le grotte naturali di cui è pieno il Carso.

Le gallerie della Kleine Berlin sono aperte al pubblico soltanto un giorno al mese, l’ultimo venerdì del mese, così ho pianificato il mio viaggio in modo da essere a Trieste proprio quel giorno. Si possono visitare solo con le visite guidate organizzate dal Club Alpinistico Triestino in gruppi molto numerosi: se da una parte è un po’ fastidioso fare questo tipo di esperienze in gruppi di oltre 50 persone, dall’altra minimizza il rischio di non trovare posto (anche perché non si può prenotare). La prima parte della visita guidata si svolge seduti in una grande sala ipogea dove un esperto racconta la storia di questo luogo e le condizioni di vita dei rifugiati proiettando fotografie d’epoca. La seconda parte invece è la visita vera e propria delle gallerie, ed è la parte più interessante.trieste sotterranea

La Kleine Berlin è composta da due sezioni distinte ma collegate tra loro: la prima parte fu costruita dagli italiani a partire dai mesi precedenti allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, ed era destinato alla popolazione civile. L’altra parte invece fu costruita dall’esercito tedesco nel periodo dell’occupazione nazista ed era un rifugio ed un deposito riservato ai militari. Dopo anni di chiusura e di abbandono le gallerie sono state rimesse in sicurezza ed aperte alle visite del pubblico, ma tutto è stato lasciato esattamente come era 70 anni fa.

La parte italiana aveva panche di legno per sedersi lungo le gallerie e locali di servizio come le toilette e l’infermeria, mentre quella tedesca ha sale più grandi per conservare armi e rifornimenti e per radunare i soldati in caso di pericolo. La galleria tedesca raggiungeva anche la casa del generale delle SS Globocnik e il palazzo del tribunale dove si trovavano i suoi uffici, in modo che l’ufficiale nazista potesse usarla come passaggio segreto per andare da casa al lavoro in modo sicuro e indiscreto.

kleine berlin

Qui c’era la scala a chiocciola dei tedeschi

Le due sezioni della Kleine Berlin si differenziano anche per un altro motivo oltre alla funzione: quelle tedesche erano costruite con tecniche e materiali migliori, e hanno resistito molto meglio alle infiltrazioni di acqua che cola continuamente dalle rocce soprastanti piene di cavità e tipiche della zona di Trieste e del Carso. Le gallerie italiane invece sono piene di crepe e fessure, così grazie all’acqua ricca di calcare che cola costantemente, hanno iniziato a formarsi delle stalattiti lunghe e sottili che crescono molto più velocemente rispetto a quelle naturali.

Un luogo che già quando fu costruito era umido e buio, decisamente poco ospitale, in cui si era costretti a rifugiarsi terrorizzati dal pericolo dei bombardamenti, e che oggi ha acquistato anche un aspetto spettrale e inquietante, perfetto per un film horror. Visitare la Kleine Berlin non è soltanto una discesa nella Trieste sotterranea, è un’esperienza tanto affascinante quanto disturbante, sia per il luogo sinistro, sia per il triste capitolo di storia che testimonia.kleine berlin

Il biglietto di ingresso al complesso della Kleine Berlin costa 3 euro, e non è necessaria la prenotazione. Vista che alle rare aperture mensili (l’ultimo venerdì di ogni mese) c’è una grande affluenza di visitatori, ultimamente vengono organizzate due visite guidate al giorno invece che una: conviene chiedere informazioni ai contatti indicati sul sito del Friuli Venezia Giulia. L’ingresso al complesso è in via Fabio Severo di fronte al n. 11.

Stai organizzando un viaggio a Trieste? Forse può interessarti anche 10 cose che mi sono piaciute a Trieste.

 

E se ti piacciono i luoghi sotterranei non perderti la splendida Grotta Gigante di Trieste!

trieste sotterranea

Può interessarti anche:


Condividi il viaggio!
  • 485
  • 5
  •  
  •  
  • 12
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *