Palermo, street food e non solo: c’è tutto un mondo da mangiare

Condividi il viaggio!
  • 43
  •  
  •  
  •  
  • 12
  •  
  •  
  •  

Io lo sapevo già che appena rimesso piede in Sicilia mi si sarebbe aperto tutto un mondo. La cucina siciliana è fantastica, questo è un dato di fatto, sia per gli ingredienti ottimi che regala questa terra, sia per le ricette tradizionali che li esaltano. Ma il cibo a Palermo rappresenta una vera e propria esperienza globale, in particolare lo street food, un mondo a parte che non vedevo l’ora di esplorare in lungo e in largo. Chiedersi cosa mangiare a Palermo è come aprire il vaso di Pandora e l’unico limite è la sazietà, che purtroppo arriva sempre troppo presto.street food palermo

Durante i miei 3 giorni nel capoluogo siciliano ho collezionato una serie di colazioni, seconde colazioni, pranzi, cene, merende e spuntini vari che basterebbero per due Claudie. Spesso ho mangiato non per fame ma per gola e per ispirazione del momento, buttando un occhio alla vetrina di una pasticceria, annusando l’odore che esce da una friggitoria o passando davanti ad un carrettino di cibo da strada.

Il problema è che è tutto invitante, tutto buono e tutto economico, e che avevo sempre il terrore di lasciare la Sicilia senza aver assaggiato qualcosa di fondamentale. E infatti poi è successo, perché continuando a rimandare a favore di altro alla fine non ho assaggiato il pani ca meusa, mannaggia a me, mi sarebbe piaciuto di sicuro.

cannoli palermo

Mmm… cannoli e cassatine

Ecco quindi la mia lista di tutte le cose buone che mi sono sbafata, una specie di vademecum personale che spero ti sia utile anche per trovare qualche spunto e consiglio su cosa mangiare a Palermo.

Arancine di riso – sono la mia ossessione numero uno. Le adoro declinate in qualsiasi, anche quando le chiamano arancini, anche quando sono con ingredienti insoliti e meno tradizionali – ma la mia versione preferita rimane il super classico al ragù. Crosticina croccante fuori, riso e sugo caldi e cremosi dentro, per me è la perfezione. Si trovano praticamente ovunque, nelle friggitorie, nelle pasticcerie e nei chioschi di street food per le strade e nei mercati, basta che siano calde e appena fritte. Il paradiso per i fan delle arancine di riso è Ke Palle: fanno oltre 40 gusti diversi di arancine, da quelli più classici agli abbinamenti insoliti, ci sono arancine di pasta e vegane, dolci, con ingredienti gourmet, cotte al forno ed in edizione limitata. Ci sono due negozi di Ke Palle a Palermo, uno in via Maqueda e uno in via Terrasanta.cosa mangiare a palermo

Pane e panelle – l’idea di mettere la farinata di ceci dentro ad un panino è comune sia a Palermo che a Livorno – dove la farinata si chiama torta e il panino si chiama 5 e 5 – così ero molto curiosa di assaggiare la versione siciliana con la farinata fritta, ovvero pane e panelle. Partendo dall’assioma che fritto è tutto più buono, mi domando perché a Livorno (o in Liguria, o negli altri luoghi della costa tirrenica dove la torta di ceci è un cibo da strada tradizionale) non abbiamo mai pensato a friggere la farinata. Perché pane e panelle è una delle cose più buone del mondo! Anche questo street food si trova praticamente ovunque, dai chioschi ai mercati fino alle friggitorie e alle tavole calde.

pane e panelle

pane e panelle ti distruggo

Sfincione – io non lo conoscevo nemmeno prima di andare a Palermo, e mi cospargo il capo di cenere per questi 34 anni passati nell’ignoranza. Lo sfincione è la versione palermitana della pizza, una versione più ricca, più saporita e più sicula, in pratica è pimp my pizza. Una focaccia fatta con l’impasto del pane, alta e soffice, condita con pomodoro, cipolla, acciughe, caciocavallo e origano, lo sfincione è troppo buono per essere spiegato a parole, va mangiato e basta.

sfincione street food palermo

Sfincione uber alles

Cannoli – tutta la pasticceria siciliana meriterebbe un post a parte, anzi un volume enciclopedico, ma i cannoli sono i cannoli. Quelli grandi sono un invito alla condivisione, quelli piccoli sono un extra da concedersi e da far fuori in un solo boccone. La ricotta siciliana ha un gusto diverso dalla nostra ed in questo dolce è elevata all’ennesima potenza, ed è il motivo per cui i cannoli realizzati fuori dalla Sicilia non avranno mai lo stesso godurioso sapore.

street food palermo

Assalto al cannolo

Pasta con le sarde – ha costituito il mio primo pranzo a Palermo, ero affamatissima e la pasta con le sarde era talmente buona che non l’ho neanche fotografata e mi ci sono avventata sopra. Nella ricetta tradizionale ci sono le sarde, il finocchietto e l’uva passa, ma poi ci sono tante varianti che rendono la cosa ancora più interessante: con il sugo di pomodoro, gratinata al forno con il pangrattato, con altri ingredienti siciliani come le mandorle…

Frutta di marzapane – e qualsiasi cosa con la pasta di mandorle in generale. La frutta di marzapane si trova facilmente anche qui in Toscana, ma a Palermo ho scoperto che può essere incredibilmente profumata, delicata e non eccessivamente dolce.cosa mangiare a palermo

Cassatine – una volta mi sono mangiata un intero cedro candito che decorava una cassata e mi sono sentita malissimo. Per fortuna non sono rimasta traumatizzata a lungo dalla cassata siciliana, perché mi piace un sacco. Nelle pasticcerie si trovano anche in versione mini, un paio di morsi di puro piacere ricottoso.

Qualsiasi cosa al pistacchio – una volta che lo assaggi in Sicilia il pistacchio diventa un’ossessione, tutti gli altri pistacchi impallidiscono di fronte al sapore di quelli siciliani. Nella crema della brioche e nella ricotta dei cannoli, sul pesce e sulla pasta, dolce o salato, ovunque lo si trovi il pistacchio rende tutto più buono e me più felice.

Un pranzo di mare – l’ultimo giorno io e mia sorella eravamo rimaste con una voglia insoddisfatta di pesce, così ci siamo concesse un pranzo in un ristorante di mare che ci hanno consigliato al Micro, il punto informativo di Visit Palermo. Il locale è il Ristorantino da Spanò, cucina di pesce siciliana dove era davvero difficile scegliere dal menu perché mi piaceva tutto. Alla fine ho mangiato dei crostini ai ricci di mare – da provare almeno una volta nella vita – e degli spaghetti ai gamberi con pesto e pistacchi che erano semplicemente squisiti. Ottimo anche il liquore casalingo all’arancia con cui abbiamo concluso il pranzo.palermo cosa mangiare

E tu hai altri consigli su cosa mangiare a Palermo e dove? Lasciami i tuoi suggerimenti in un commento, non vedo l’ora di tornare in Sicilia e di provare altri cibi, altri posti e altri sapori.

Può interessarti anche:


Condividi il viaggio!
  • 43
  •  
  •  
  •  
  • 12
  •  
  •  
  •  

3 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *