10 borghi toscani da visitare

Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

borghi toscaniPer molti l’estate è il periodo dell’anno dei viaggi, per me invece è proprio il contrario. Aspetto ottobre per viaggiare, durante l’estate lavoro nella mia Firenze e mi godo rassegnata le temperature da Death Valley di quest’anno. L’estate per me significa Toscana, e pensando alle poche gite fuori porta che potrei concedermi è nato questo articolo: 10 borghi toscani da non perdere, una serie di note sui luoghi che preferisco nella mia regione. 10 angoli di Toscana che sembrano fatti apposta per essere fotografati, e che sono stati modellati da secoli di storia, spesso orgogliosamente rievocata nelle feste tradizionali.

E se scoprissi qualcuno di questi borghi in un tour a bordo di una vespa vintage?

Certaldo (FI) – il borgo di Messer Boccaccio ha antiche origini etrusche, ma l’aspetto è quello di un borgo medievale arroccato su una collina, che oggi è chiuso al traffico e si raggiunge con la funicolare. Da non perdere la casa museo di Boccaccio, il Palazzo Pretorio con le sue prigioni sotterranee e last but not least le cipolle! Le cipolle di Certaldo sono famose fin dall’antichità,figurano nello stemma del comune e sono citate anche nel Decamerone. Oggi sono un presidio Slow Food e sono trasformate in piatti tipici, conserve e marmellate.

Bolgheri (LI) – uno dei borghi toscani a cui sono più affezionata, a due passi dalla mia città natale Livorno. Bolgheri è famoso in tutto il mondo per il viale dei cipressi che lo collega alla vecchia via Aurelia e per il vino Sassicaia, tra i più pregiati del mondo. Ma è anche un angolo di tranquillità fatto di vecchie case di pietra, stretto tra i vigneti, il mare e le fresche colline ricoperte di macchia.

borghi toscani

Volterra

Volterra (PI) – visitare questo paese tra Pisa e Siena e come fare un viaggio nella storia a partire dagli Etruschi e attraverso tutto il medioevo. Circondata dalle massicce mura etrusche e ricca di edifici storici come chiese e palazzi medievali, ogni agosto la cittadina si cala completamente nella vita del passato con Volterra A.D. 1398, una grande rievocazione medievale tra le più belle e coinvolgenti di tutta Italia.

Monteriggioni (SI) – visto da fuori sembra l’illustrazione di un libro di fiabe: un castello circondato da possenti mura circolari, da cui spuntano le torri quadrate, arroccato su una collina, tutto intorno la campagna senese. Anche qui ogni estate si svolge una rievocazione medievale chiamata “Monteriggioni di torri si corona”, come scrisse Dante nella Divina Commedia.borghi toscani

Bibbona (LI) – un piccolo delizioso borgo medievale della Val di Cecina, non troppo conosciuto rispetto ai suoi famosi vicini Bolgheri e Castagneto Carducci, che se ne sta stretto tra un bel bosco dove fare camminate e le spiagge della Costa degli Etruschi. Segnalo anche la birreria Brandibirra, con ottime birre artigianali (tantissime!) e atmosfera medievale.

Scarperia (FI) – il Mugello è una delle valli più belle della provincia di Firenze, e Scarperia è il suo piccolo gioiello. Un borgo famoso per l’antica arte dei coltelli artigianali e per il suo Palazzo dei Priori, è circondato da una campagna splendida e ancora molto autentica. A pochi km c’è anche la piccola frazione di Sant’Agata con la sua pieve romanica che merita una visita.

borghi toscani

San Gimignano

San Quirico d’Orcia (SI) – nel cuore della Val d’Orcia, San Quirico si trova lungo la via Francigena ed è stato dichiarato patrimonio mondiale dell’umanità. Qui si produce un’olio extravergine d’oliva tra i migliori al mondo: ogni anno l’olio nuovo viene festeggiato e premiato alla Festa dell’Olio, che è anche un’occasione per assaggiare gli altri squisiti prodotti di eccellenza del territorio.

San Gimignano (SI) – forse il più famoso ed iconico dei borghi toscani, si riconosce da lontano per la foresta di torri medievali di pietra che emergono dal verde della campagna senese. Essendo famoso in tutto il mondo ed essendo inserito praticamente in ogni tour organizzato della Toscana, è per forza di cose molto turistico e sempre affollato. Ma è così bello che questa non è una scusa sufficiente per non andarci almeno una volta nella vita!borghi toscani da visitare

Borgo a Mozzano (LU) – se il nome non ti dice niente è perchè il suo ponte è più famoso del paese stesso. È il Ponte del Diavolo, che attraversa il fiume Serchio con la sua schiena ripida e asimmetrica, collegando Borgo a Mozzano con il resto del territorio. Ogni 31 ottobre qui si svolge una grande festa di Halloween, una più belle e spettacolari d’Italia che coinvolge l’intero paese.

Cortona (AR) – sorge ai margini della regione, dove la Toscana sta per diventare Umbria. Cortona è una cittadina nata in epoca etrusca (c’è anche un importante museo archeologico) che oggi conserva ancora l’atmosfera del passato e dove ci si sente in una dimensione a misura d’uomo. Da non perdere un’escursione al vicino Eremo le Celle, dove passò anche San Francesco, un convento immerso nella natura che lascia a bocca aperta.

borghi toscani

Può interessarti anche:


Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 commenti

  • Uhhh! Allora: conosco Cortona molto bene x ovvi motivi 😉 ! Scarperia xchè l’anno scorso ci sono andata su tuo consiglio; Volterra e San Gimignano li ho visti anni fa! Gli atri li devo ancora visitare! Conosci una brava guida? 😉

  • Wooooow san Gimignano, Bolgheri e Volterra sono il top! 🙂 Sono sei mesi che viaggio non stop, ma inizio a convincermi che l’Italia sia davvero unica! A volte c’è da andare via per apprezzare quello che si aveva…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *