Mini guida a Bilbao: cosa vedere e cosa fare

Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

cosa vedere a bilbaoBilbao per me è una città entusiasmante. Tutti i Paesi Baschi sono fantastici, uno di quei pochi luoghi nel mondo dove smetto di sentirmi una viaggiatrice e comincio a sentirmi a casa. Ma Bilbao è speciale, perché è estremamente basca ma anche la più anomala tra tutte le città basche, un po’ nello stesso modo in cui Rotterdam è diversa dall’Olanda. Non è una cartolina tradizionale, è come se la città si divertisse a non soddisfare mai le aspettative dei viaggiatori, a fargli trovare qualcosa di diverso da quello che cercavano. Cosa vedere a Bilbao? La città offre così tante opzioni per ogni tipo di viaggiatore, ma prima di raccontarti cosa fare e cosa visitare, ti do un paio di consigli per organizzare la tua visita alla città.

Informazioni pratiche generali

Se cerchi una sistemazione c’è l’imbarazzo della scelta. Ci sono diversi ostelli in centro o in posizioni molto comode per i mezzi pubblici, e per quanto riguarda gli hotel puoi dare un’occhiata qui.

Quanti giorni stare? Secondo me un paio di giorni sono sufficienti per visitare Bilbao, ed è una tappa imperdibile in un viaggio on the road nei Paesi Baschi, come ho fatto io la prima volta che ci sono stata. Ma se vuoi conoscere davvero lo spirito più intimo della città – e sei appassionato di architettura, arte e design – due giorni non bastano, e ti consiglio di fermarti più a lungo. Il mio secondo viaggio infatti non è stato un on the road, e me la sono presa con molta calma.

Come spostarsi? C’è una metropolitana comodissima, efficiente, che funziona fino a tarda notte e che copre la città in modo capillare, raggiungendo anche le zone extra urbane fino alla costa. È talmente comoda che rende praticamente inutile prendere in considerazione altre opzioni. Naturalmente ci sono anche gli autobus di linea, ed è ben collegata al resto della Spagna con gli autobus della ALSA.cosa vedere a bilbao

Cosa vedere a Bilbao

Il Museo Guggenheim progettato da Frank Gehry. Famoso più per la sua architettura che per le sue collezioni, è stato il motore trainante della rinascita della città, che ha saputo reinventarsi da città industriale in crisi a polo culturale e artistico in pochi anni. L’ingresso è piuttosto caro ma vale la pena di entrare per ammirare l’edificio dall’interno e per vedere le collezioni di arte contemporanea esposte. Anche senza visitarlo comunque è un luogo iconico: le audaci forme del museo, la scultura del ragno gigante e il cagnolino gigante ricoperto di fiori (opera di Jeff Koons) sono probabilmente i luoghi più fotografati e selfati di tutta la città.

Intorno al Guggenheim si concentrano molte altre strutture progettate da famosi architetti: se vuoi approfondire leggi anche il mio itinerario di architettura contemporanea.

cosa vedere a bilbaoSe ti piace l’arte visita anche il Museo delle Belle Arti, con la sua grande collezione di dipinti, sculture, disegni e arti applicate dal 1400 ad oggi, che si concentra sugli artisti baschi e spagnoli, ma non solo.

Il quartiere storico di Ensanche – frutto di un’espansione urbana alla fine dell’800, il quartiere al di là del fiume è famoso per le sue architetture eclettiche in stili molto differenti: modernismo, razionalismo, funzionalismo, neo-gotico e i tradizionali edifici baschi, sono tutti presenti, l’uno a fianco all’altro. Oggi Ensanche è il cuore commerciale e finanziario della città, ed è un luogo ideale per una passeggiata ricca di curiosità e in una zona meno turistica e affollata rispetto al centro.

Azkuna Zendroa – fino a poco fa si chiamava Alhondiga Bilbao, ma anche se adesso ha un nome più difficile rimane la stessa figata di prima: progettato da Philip Starck con il suo inconfondibile stile pop ed eccentrico, è un enorme centro multifunzionale con dentro di tutto e di più. Ci sono negozi, ristoranti, concerti, mostre, cinema, attività per bambini, impianti sportivi e probabilmente anche qualcos’altro che mi è sfuggito. Ah, c’è anche una piscina con il fondo trasparente sospesa in alto, in mezzo all’edificio, dove si vedono le persone nuotare come se fossero in un acquario. Da perderci la testa!cosa vedere a bilbao

Il Casco Viejo – il quartiere più antico, quello che una volta era il piccolo nucleo originario della città, nato intorno al 1300, e che in sostanza era costituito da quelle che vengono chiamate le Siete Calles, le sette strade. Oggi queste stradine sono interamente pedonali e vi si concentrano ristoranti, caffè, bar e locali notturni. L’aspetto tradizionale del Casco Viejo è stridente con il resto della città, così moderna, sembra quasi di trovarsi in un’altra dimensione. Inutile dire che qui è il posto dove venire per bere, fare festa e mangiare pinchos fino a notte fonda, le tipiche tapas basche. E la cucina basca è buonissima!

Le spiagge – A circa 15-20 km dal centro ci sono splendide scogliere e lunghe spiagge sull’oceano perfette per fare il bagno d’estate e per fare surf tutto l’anno. Getxo è forse la più famosa, ma anche Sopelana e Plentzia non sono da meno, e tutte e tre sono comodamente raggiungibili in metropolitana dal centro di Bilbao.

Se cerchi informazioni sulle spiagge e i borghi marinari della costa basca ti consiglio di leggere il post dedicato ai paesi della Gipuzkoa.

cosa vedere a bilbaoLa Semana Grande

O meglio, in basco, Aste Nagusia. Una settimana che poi in realtà sono dieci giorni, che si svolge ogni anno nella seconda metà di agosto, una grandissima festa popolare che si svolge nelle strade e che è la cosa più coinvolgente e selvaggia a cui abbia mai partecipato. Difficile descrivere la Semana Grande a parole: si mescola cibo, birra e vino con l’orgoglio basco, la politica, le tradizioni popolari, concerti di ogni genere, spettacoli e la sana attitudine iberica al divertimento caciarone e sfrenato. È un evento da non perdere, a cui partecipare almeno una volta nella vita – anche se di solito se ne esce a pezzi e poi ci vuole un’altra settimana per riprendersi – e secondo me la Semana Grande di Bilbao è meglio, forse più autentica e più sentita dai baschi, rispetto a quella di San Sebastian. Per tutte le informazioni e le date della prossima consulta AsteNagusia.com.

Detto questo, durante la Semana Grande non si capisce assolutamente niente di com’è veramente Bilbao per tutto il resto dell’anno, non è un periodo rappresentativo, quindi consiglio di non limitarsi solo a due giorni di festa, ma di programmare anche alcuni giorni extra per visitare la città.

Se stai cercando informazioni per un viaggio nei Paesi Baschi forse può interessarti anche l’articolo sulle 5 cose da non perdere a San Sebastian.

cosa vedere a bilbaoDove dormire a Bilbao

Se come me ami dormire in ostello ti consiglio il Poshostel Bilbao Premium Hostel. È bellissimo, ospitato in una grande ex fabbrica ristrutturata in modo contemporaneo. Si trova in posizione strategica, c’è un bar ristorante, prese USB ovunque e persino la sauna!

Se invece preferisci un hotel dai un’occhiata al Cosmov Bilbao Hotel, semplicemente perfetto: è un hotel di design in pieno centro con un rapporto qualità prezzo davvero interessante e ottime recensioni.

Se cerchi la comodità di un appartamento guarda i Baps Apartments: la posizione è centralissima e gli appartamenti, da 4 o da 6 persone, sono moderni e attrezzati di tutto quello che serve.

bilbao cosa vedere

Spero che i miei consigli ti siano stati utili, se vuoi fammi sapere com’è andato il tuo viaggio a Bilbao lasciandomi un commento!


Per organizzare il tuo viaggio nei Paesi Baschi e in Spagna ti consiglio:

 

Può interessarti anche:


Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *