Visitare Groningen, un itinerario a piedi

Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

visitare groningen olanda

Se come me hai già visitato Amsterdam diverse volte (e magari ti ha stancato) e cerchi qualcosa di diverso per un viaggio in Olanda, ti consiglio di visitare Groningen. È una vivace cittadina universitaria, l’unico grande centro dell’Olanda del Nord, ma comunque non è molto grande, anzi. È sufficientemente piccola da poter essere visitata tuta a piedi o in bicicletta, e un paio di giorni sono sufficienti per vedere praticamente tutto il meglio che la città offre.

visitare groningen olanda

Groningen è una città antica, ricca di storia e di arte, ma anche con un sacco di giovani e una vivace vita notturna, grazie all’università. Con l’intero centro pedonalizzato, è anche la città più bike-friendly di tutta l’Olanda, che comunque è forse il paese più a misura di bicicletta del mondo.

Io ho potuto visitare Groningen con un itinerario a piedi, accompagnata da una guida turistica dell’ufficio turistico locale. Mi sono goduta le passeggiate sui canali e le eleganti facciate delle case lentamente, ma naturalmente si può fare anche in bicicletta.

visitare groningen olanda

Visitare Groningen a piedi

Al centro della città si apre la Grote Markt, la grande piazza del mercato, che sul lato sud conserva ancora gli originari edifici del ‘600 e ‘700 sopravvissuti alla seconda guerra mondiale.

Proprio dietro alla piazza c’è un’altra piccola piazzetta dove si trova un edificio del 1600 riccamente decorato con conchiglie, volute e lo stemma cittadino. È il Goudkantoor, ovvero l’Ufficio dell’Oro, dove un tempo venivano raccolte le tasse e che oggi ospita un elegante caffè. L’edificio è collegato ad un moderno complesso di uffici, negozi e appartamenti da una pensilina in vetro e acciaio, un progetto dell’architetto italiano Adolfo Natalini.

visitare groningen olanda

L’Ufficio dell’Oro e la struttura di Natalini

Sull’altro lato della Grote Markt si erige la Martinitoren, la torre 97 metri del 1400, simbolo della città amatissimo dagli abitanti. Si può salire fino al terzo livello della torre per ammirare la città dall’alto. Proseguendo verso il Noorderhaven, il canale che racchiude Groningen, si raggiunge il Prinsenhof, un ex convento del 1400 che oggi ospita un hotel e un ristorante, con un bel giardino nella corte interna. Raggiunto il canale, passeggiando lungo lo Spilsuizen si incontrano eleganti facciate d’epoca alternate a case a schiera molto più moderne, e tante barche e boat-house ormeggiate l’una addosso all’altra.

groningen martinitoren

La Martinitoren vista dal giardino del Prinsenhof

Arrivato al ponte A-Brug gira a sinistra per tornare verso l’interno del centro storico, percorrendo la Oude Boteringestraat, una strada piena di ristoranti, caffè e negozi carini, e con molti edifici storici come alcune eleganti case in pietra di importanti famiglie locali della fine del ‘700. la Folkingestraat invece è il cuore del vecchio quartiere ebraico: oggi gli ebrei non vivono più qui ed è diventata una strada dove fare shopping, ma la memoria del passato viene mantenuta grazie ad alcune opere di arte pubblica.

visitare groningen olanda

Musei a Groningen

Groningen ospita uno dei musei d’arte contemporanea più nuovi e importanti di tutta l’Olanda, il Groninger Museum. Il museo è progettato dall’architetto italiano Alessandro Mendini ed espone collezioni dedicate alla moda, al design, alla fotografia e alle arti visive. A me è piaciuto un sacco, infatti ho dedicato un articolo proprio al Groninger Museum, e ti consiglio di visitarlo in modo approfondito.

visitare groningen olanda

Il Groninger Museum di Mendini

Un altro museo molto interessante (almeno se sei un appassionato di fumetti) è il Nederlands Stripmuseum, ovvero il Museo del Fumetto Olandese. È principalmente dedicato alla storia del fumetto in Olanda, e molti dei personaggi in Italia non sono conosciuti, quindi lo consiglio a chi è molto dentro l’argomento. Ma c’è anche una parte dedicata ai fumetti Disney (che adoro) e mostre temporanee su fumetti internazionali.

museo del fumetto groningen

Al museo del fumetto ho trovato il monumento a Cornelius Coot!

Infine vi segnalo il piccolo Noordelijk Scheepvaart Museum, il Museo Navale del Nord. Io non l’ho visitato, ma magari a qualcuno interessa questo argomento. Il museo è ospitato in una antica casa di mercanti di epoca gotica, chiamata appunto la Casa Gotica, con una facciata molto particolare, perché una volta il piano terra fungeva anche da birreria.

I Gasthuis

Un aspetto molto particolare e affascinante di Groningen sono i Gasthuis, edifici nati nel medioevo intorno ad un cortile per ospitare poveri, malati e pellegrini. Molti sono stati ristrutturati e modificati, ma mantengono ancora la loro funzione originale di luoghi dedicati all’ospitalità e gestiti da enti di beneficienza. Oggi i Gasthuis ospitano alloggi destinati alle fasce più povere, ostelli e residenze studentesche; le corti sono private ma durante il giorno sono aperte al pubblico e si possono visitare, ammirando i giardini ben curati. Te ne segnalo alcuni, se decidi di visitare Goningen ti consiglio di non perderli:

  • St. Geertruids Gasthuis – Peperstraat
  • St. Anthony Gesthuis – Rademarkt
  • Heiligen Gasthuis – Pelsterstraat
  • Aaddien Olthofsgasthuis – Kattenhage

C’è anche un sito web dedicato ai Gasthuis di Groningen con l’elenco completo, ma purtroppo è solo in olandese.

gasthuis groningen

nel cortile di un Gasthuis

Non sai come raggiungere Groningen dall’Italia? Prova a cercare un volo Roma-Amsterdam su Jetcost!

Infine un’ultima segnalazione: a pochi km da Groningen, ad Assen, c’è un interessante museo che espone alcune antiche mummie di palude. Io ci sono stata e la storia delle mummie mi ha affascinata molto, lo racconto in dettaglio nel mio post su Assen e la Ragazza di Yde.


Per organizzare il viaggio ti consiglio:


Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Può interessarti anche:

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *