Museo archeologico di Lipari. Storia e cultura delle Isole Eolie

Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

museo archeologico di lipari castello

foto di TheGretaEscape


Se siete alla ricerca di storia, cultura e tradizioni Lipari è l’isola delle Eolie che fa per voi. Questa piccola isola immersa nel mare blu e posta al centro dell’arcipelago sembra fatta apposta per raccontare la storia millenaria di tutte e sette le Eolie. Vi consiglio di dedicare a questa isola almeno una giornata perché le cose da fare e vedere sono tante, e di non perdervi il Museo Archeologico di Lipari, dove sono raccolte le tracce del passato antico delle Eolie in modo da comporre un grande quadro storico. Io l’ho visitato insieme ad Alessandra, travel planner di Sicily4Seasons, che conoscendo il mio interesse per questi argomenti ha organizzato una visita speciale al museo solo per me, visto che alle altre blogger non interessava.

Il Museo Archeologico di Lipari

Il museo archeologico Eoliano è uno dei più importanti della Sicilia e di tutta Italia: si trova all’interno del Castello di Lipari ed è diviso in diverse sezioni, ognuna ospitata in un edificio diverso. Entrare e uscire continuamente è un po’ scomodo ma offre l’occasione per passeggiare per il castello. Il museo è enorme e se volete fare una visita approfondita vi consiglio di dedicarci almeno 2-3 ore, e magari di prendere una guida turistica, perché a meno che non siate archeologi rischiate di non cogliere i pezzi più interessanti e gli aspetti meno evidenti delle opere esposte.

museo archeologico di lipari castello

foto di TheGretaEscape

I reperti sono esposti in ordine cronologico, cominciando dalla sezione preistorica e proseguendo nelle sezioni dedicate all‘età classica. Le altre sezioni presenti sono quella vulcanologica, molto interessante per capire il contesto delle civiltà che hanno vissuto sulle Isole Eolie, quella epigrafica, quella paleontologica e quella dedicata ai reperti rinvenuti nei relitti di navi affondate nelle acque delle Eolie.

La sezione più interessante e più ricca di pezzi unici è quella dedicata all’età classica: i pezzi esposti sono migliaia, e c’è da perdersi tra le decine e decine di vasi greci decorati in stili diversi a seconda dell’epoca e della provenienza. Tra tutti i reperti presenti nella sezione classica vi segnalo i più straordinari: una collezione di maschere teatrali greche di terracotta, rinvenute in un corredo funebre, con i principali personaggi delle tragedie e delle commedie greche. Insieme alle maschere sono state trovate anche decine di statuette di terracotta che raffigurano scene teatrali, piccole miniature che non parlano solo di teatro, ma che illustrano anche la vita quotidiana degli abitanti della Magna Grecia.

museo archeologico di lipari

Queste due immagini sono tratte dal sito Eolnet.it, che ha una pagina interessante per chi volesse approfondire la conoscenza delle maschere teatrali di Lipari.

Informazioni utili

Orari: il Museo Archeologico di Lipari è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 13, nei giorni feriali anche il pomeriggio dalle 15 alle 18.

Il biglietto intero costa 6 euro, quello ridotto 3.

Nel museo è proibito scattare fotografie.

museo archeologico di lipari castello

foto di TheGretaEscape

Una volta visitato il museo archeologico non dimenticate di fare un giro per il Castello di Lipari, dove si trova la seicentesca cattedrale di San Bartolomeo e alcuni scavi di abitazioni preistoriche e dell’età classica. A pochi passi di distanza dal castello si può visitare anche il parco archeologico di Diana, dove si sono sovrapposti insediamenti greci e romani di varie epoche, e dove si può ammirare anche una grande necropoli greca. Se state cercando altri suggerimenti su cosa fare a Lipari leggete il post di Greta! Se invece volete scoprire gli aspetti enogastronomici delle Isole Eolie scoprite cosa e dove mangiare alle Eolie insieme a Monica.

museo archeologico di lipari castello

foto di TheGretaEscape

Può interessarti anche:


Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *