Sestola, nel cuore del Parco del Frignano

Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

sestola cimone

L’ultimo giorno l’ho dedicato a visitare il piccolo ma caratteristico borgo di Sestola, con il suo centro storico ancora tradizionale e legato al territorio dell’Appennino Modenese, con le sue casette con le tegole di pietra lavica ricoperte di muschi e licheni.

Negli anni passati Sestola era chiamata la Perla dell’Appennino o addirittura la Cortina dell’Appennino, resa famosa da campioni come Alberto Tomba che venivano qui ad allenarsi e portavano con loro un turismo invernale abbastanza mondano che riempiva gli hotel. Negli ultimi anni le cose sono cambiate, il turismo a Sestola ora è più discreto, economico e a dimensione familiare, ma si continua a venire qui a sciare e anche d’estate per godere dei paesaggi e dell’esplosione di verde della montagna.

sestola appennino modenese

Per chi ama sciare Sestola è probabilmente la base di partenza perfetta nel comprensorio: dal centro del paese parte una seggiovia che porta gli sciatori direttamente sui 50 km di piste del comprensorio del CimoneSci. In pratica si esce dall’hotel con gli sci a piedi, si sale sulla seggiovia e si parte! Per chi non ama o non sa sciare (come me) vi rimando alla lettura del post su cosa fare sul Monte Cimone in inverno: tra ciaspolate e assaggi di prodotti tipici non c’è il rischio di rimanere ad oziare in hotel.

sestola appennino modenese

In estate il paese è più tranquillo, e richiama gli amanti della natura e degli sport all’aria aperta. Sestola si trova nel cuore del Parco del Frignano, un territorio protetto dove si possono fare trekking, escursioni a cavallo o in mountain bike, downhill, deltaplano e parapendio, canoa o orienteering, tra laghi di montagna e cascate, e magari incontrare una marmotta o un cervo.

sestola appennino modenese

Il paese è piccolino e non vanta importanti musei o monumenti, però è caratteristico ed è molto piacevole passeggiare per le sue stradine. Per chi regge bene le camminate in salita si può raggiungere a piedi l’antico Castello di Sestola, di origini medievali e di importanza strategica fino al 1700. In seguito fu abbandonato e riconvertito più volte, e oggi si può visitare e ospita alcuni piccoli ma curiosi musei comunali. Uno di questi è il Museo degli Strumenti Musicali Meccanici, uno dei pochissimi in Italia.

sestola appennino

Last but not least, da queste parti si mangia benissimo! Ne ho parlato più in dettaglio nell’articolo su cosa mangiare sul Monte Cimone: tra crescentine, formaggi di montagna freschi, berlenghi, pesto modenese e prodotti del territorio come funghi e frutti di bosco non c’è proprio di che lamentarsi.

sestola appennino

 

Può interessarti anche:


Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *