Olanda, in bici nel Waterland

Condividi il viaggio!
  • 79
  • 21
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

olanda in bici waterland

Basta allontanarsi di pochi km da Amsterdam per ritrovarsi in un altro mondo, in un’Olanda molto lontana dai coffee shop, dalle strade affollate e dai locali notturni della città. Ad una decina di km dalla capitale c’è la zona del Waterland, un angolo di Olanda ancora rurale, una campagna da cartolina fatta di polder, di piccoli canali e di prati verde brillante dove pascolano le mucche pezzate, e una meta ideale per cominciare a visitare l’Olanda in bici.

Se avete un giorno in più a disposizione vi consiglio di allontanarvi dal caos di Amsterdam e di fare un’escursione nella zona del Waterland in bicicletta. Raggiungete la Centraal Station di Amsterdam e prendete il Buiksloterwegveer, il traghetto gratuito che parte dietro alla stazione, da qui le piste ciclabili sono ben segnalate con cartelli bianchi e rossi. In Olanda si può andare ovunque in bicicletta, le piste ciclabili extraurbane collegano tutte le città e anche i paesini più piccoli, e hanno sempre percorsi riservati che raramente incrociano il traffico delle auto e i percorsi pedonali.

Per esplorare questa zona in bicicletta potete seguire la Waterland Route, un itinerario ciclabile ben segnalato che attraversa le zone più belle di questa campagna e che tocca alcuni paesi molto caratteristici, come Marken, Volendam e Broek in Waterland. Le cartine si trovano in qualsiasi ufficio turistico di Amsterdam e dei paesi limitrofi.

olanda in bici waterland

Raggiungete e superate Durgerdam, un piccolo paese costiero, da qui inizia un tratto molto bello dove la pista ciclabile corre sopra un argine circondato dall’acqua: sulla sinistra una serie di laghi e stagni artificiali sono un piccolo paradiso per il birdwatching: questi terreni paludosi, ricchi di torba e coperti di erba alta sono un terreno perfetto per la nidificazione di aironi, pivieri e altri uccelli trampolieri, ed in effetti ne ho visti tanti, anche da molto vicino.

Quello sulla destra della pista ciclabile, che solo a prima vista sembra il mare, è in realtà il Markermeer, un grande lago artificiale che una volta era un’insenatura del Mare del Nord, ma che negli anni ’30 è stato sbarrato con una diga e trasformato in un basso lago di acqua dolce. La domenica qui si possono vedere molti abitanti di Amsterdam che vengono a fare un picnic sul lago o praticare sport acquatici come la canoa o la barca a vela.

La zona del Waterland è stata strappata dagli olandesi al mare, ed il paesaggio qui è dominato dall’alternanza di polder ricoperti da pascoli verdi e zone acquitrinose, una campagna popolata da grandi uccelli di palude e pacifiche mucche bianche e nere, che negli anni è diventata un piccolo paradiso naturale e un ecosistema ricco di biodiversità. Lungo il percorso si incontra anche qualche mulino a vento, ma sono pochi e non si possono visitare nè vedere da vicino. Se volete vedere questo simbolo dell’Olanda vi consiglio di andare a vedere i mulini a vento di Zaanse Schans.

olanda in bici waterland

La Waterland Route prosegue raggiungendo Monnickendam: facendo una deviazione si può pedalare fino a Marken, paesino molto caratteristico e molto turistico (specialmente in estate) su quella che una volta era un’isola e che oggi è collegata alla terra da una strada rialzata. Vi consiglio anche di raggiungere e visitare la vicina Volendam, altrettanto pittoresca e un pochino più tranquilla di Marken; a Volendam ci si arriva con un traghetto da Marken, oppure via terra da Monnickendam. Al ritorno invece di ripercorrere la stessa strada dell’andata passate da Broek in Waterland, un paesino molto carino con delle case antiche in legno molto belle.

Calcolate che la Waterland Route è lunga circa 40 km, ma se si raggiungono anche Marken e Volendam diventano più o 55 km: un percorso che si fa tranquillamente in una giornata, dalla mattina al tardo pomeriggio. è un’escursione in bicicletta alla portata di tutti, la pista ciclabile è sempre in piano e non incrocia mai le strade per le auto. Visitare l’Olanda in bici è davvero alla portata di tutti, anche di chi non si è mai spostato abitualmente sulle due ruote. Grazie ai tanti voli per Amsterdam in partenza dall’Italia l’Olanda è vicina, e la città è un buon punto di appoggio per scoprire luoghi più tranquilli come questo.


Per organizzare il viaggio ti consiglio:

Può interessarti anche:


Condividi il viaggio!
  • 79
  • 21
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *