Le Cinque Terre in Barca: dal mare è tutta un’altra cosa

Condividi il viaggio!
  •  
  • 12
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

cinque terre in barca

Non ero mai stata nelle Cinque Terre, ma sono stata così fortunata da vedere per la prima volta questa zona della Liguria da un punto di vista privilegiato: dal mare, a bordo di una barca cullata dalle onde, dal sole e dal profumo del mare. L’escursione alle Cinque Terre in barca è stato uno dei momenti più belli del mio weekend con #WeLevanto, e ci tenevo molto a partecipare.  Altri di noi hanno raggiunto i borghi delle Cinque Terre a piedi, lungo il sentiero di trekking che da Levanto arriva a Monterosso al Mare. Voglio percorrerlo la prossima volta che verrò da queste parti!

cinque terre in barca

Siamo partiti dal piccolo porto di Levanto, un molo, qualche barca, una spiaggia tranquilla e l’acqua cristallina, una cartolina che ci siamo presto lasciati alle spalle per navigare lungo la costa alla volta dei cinque borghi. La barca era un gozzo bianco e blu, come quelli che si usano comunemente anche a Livorno. Quello che invece è esclusivamente ligure è il lupo di mare/pirata/marinaio che manovrava il gozzo, che ci ha mostrato la costa e ci ha raccontato le sue storie, e che ha tutta la mia ammirazione.

cinque terre in barca

Lungo la costa tra Levanto e Monterosso, dove inizia il Parco Nazionale delle Cinque Terre, abbiamo incontrato grotte, piccole spiagge e anfratti dai nomi poetici che sono perfetti per fare snorkeling e immersioni, ma anche soltanto per godersi questo splendido tratto di mare in tutta tranquillità, perché spesso non sono raggiungibili via terra.

Una volta doppiato lo sperone roccioso che nascondeva la vista, finalmente ci è apparso il primo dei paesi delle Cinque Terre, Monterosso al Mare, con la sua spiaggia ancora tranquilla. La nostra scoperta delle Cinque Terre in barca è proseguita, incontrando il paese di Vernazza: una piccola meraviglia che sembra un’illustrazione immaginata da un disegnatore molto poetico, con le casette colorate che si addossano intorno al piccolo porto e al faro seguendo le forme della collina che scende verso il mare. Vernazza è l’ennesimo esempio di quanta ricchezza si nasconda nei piccoli borghi italiani.

cinque terre in barca

Vernazza, Cinque Terre

Abbiamo proseguito con la nostra barchetta lungo la riviera del Levante Ligure fino a raggiungere Corniglia, un’altra piccola meraviglia di architettura spontanea, e sfido qualunque archistar a fare di meglio. Anche il borgo di Corniglia è meraviglioso, e descriverne la bellezza è abbastanza difficile, ma mi sono sentita davvero fortunata ad averlo potuto ammirare dal mare, un punto di vista davvero speciale rispetto alla classica veduta da terra.

cinque terre in barca

Corniglia, Cinque Terre

A questo punto la nostra barca è tornata indietro e siamo sbarcati a Vernazza: da qui abbiamo proseguito la scoperta delle Cinque Terre in treno, ma ve lo racconterò meglio nel prossimo post. Le Cinque Terre sono luoghi meravigliosi, e hanno il grande vantaggio di poter essere esplorati in molti modi diversi: le Cinque Terre si possono visitare in treno, a piedi facendo trekking, oppure in barca.

cinque terre in barca

il porticciolo di Vernazza

Se ti ho fatto venire voglia di scoprire meglio questo tratto di Liguria ti consiglio di leggere anche il post di The Greta Escape che racconta la nostra bella pedalata lungo la pista ciclabile tra Levanto, Bonassola e Framura.

visitare le cinque terre

Può interessarti anche:


Condividi il viaggio!
  •  
  • 12
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *