San Bernardino alle Ossa, Milano

Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

san bernardino alle ossa milano

Quella di San Bernardino alle Ossa non è una delle più famose di Milano, almeno non nel circuito del turismo tradizionale. È invece molto conosciuta dagli amanti del turismo macabro, da chi come me ama visitare cimiteri, ossari e ogni luogo dove la morte venga esorcizzata celebrandola e mostrandola nelle sue forme più artistiche e insolite, invece di trattarla come un argomento tabù. Magari sotto forma di ossa umane.

Il Barocco è il periodo artistico più ricco di temi macabri: nel ‘600 la morte veniva affrontata dagli artisti in modo teatrale allo scopo di suscitare emozioni forti negli spettatori, ed è tutto un trionfo di scheletri, teschi e morti secche, dal Bernini in giù. Teschi e ossa non erano solo scolpiti e dipinti: qui, a San Bernardino alle Ossa, i resti dei cari estinti furono utilizzati per decorare l’architettura della cappella-ossario.

san bernardino alle ossa milano

L’ossario è molto antico, risale al 1200 ed era annesso ad un ospedale: i teschi della cappella sono quelli dei malati morti per malattie orribili, dei frati che gestivano l’ospedale, dei carcerati e dei condannati a morte (è facile immaginare che all’epoca si morisse in abbondanza ed in molti modi diversi). La cappella di San Bernardino alle Ossa fu distrutta da un crollo nel 1600 e interamente ricostruita in stile tardo barocco, utilizzando le vecchie ossa dell’ossario per comporre una decorazione imponente e macabra, ed è a questo periodo che dobbiamo l’aspetto attuale della cappella (e la piccola chiesa annessa, che fu costruita proprio a fine ‘600).

san bernardino alle ossa milano

Come vedete dalle foto (bruttine lo so, c’era poca luce e io non sono brava) la cappella di San Bernardino alle Ossa è sorprendente: le ossa umane ricoprono ogni millimetro di superficie delle pareti. I teschi sono migliaia, sembrano tutti uguali ma sono ognuno diverso e ti guardano da ogni angolo, e sono ordinati con precisione a formare motivi geometrici, sottolineando le forme dell’architettura. Guardando in alto, verso la volta affrescata, i teschi e le ossa raggiungono i pennacchi e si spingono fino a toccare le figure dipinte che ascendono al cielo. Suggestivo, eh?

san bernardino alle ossa milano

La chiesa di San Bernardino alle Ossa e la sua cappella ossario sono aperte tutti i giorni dalle 7:30 alle 12 (la domenica apre alle 9) e tutti i pomeriggi infrasettimanali dalle 13 alle 18. l’ingresso è gratuito.

san bernardino alle ossa milano

San Bernardino vista da fuori. La macchinona da cucire è dovuta alla Design Week 🙂


Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Può interessarti anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *