Ciutat de les Arts i les Ciències, Valencia

Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

valencia ciutat de les arts
Sono partita per Valencia senza programmare troppo e senza aspettative, ma la Città delle Arti e delle Scienze era forse l’unico punto fisso imposto prima del viaggio, l’unica cosa davvero non volevo perdermi.
Ho studiato le architetture di Calatrava all’università, e durante i miei viaggi ho incontrato molte volte le sue opere, da Bilbao a Malmo, spesso mi sono piaciute, qualche volta no, ma non mi hanno mai lasciata indifferente.
valencia ciutat de les arts
La firma di Calatrava è sempre molto riconoscibile nei suoi progetti e forse me ne sto un po’ stancando, ma la Ciutat de les Arts i les Ciències mi ha comunque emozionata, e poi è uno dei posti più fotogenici del mondo. Ci sono stata nel pomeriggio e l’ho vista mentre le sue forme monumentali si ricoprivano dei riflessi dorati del tramonto, con il cielo azzurro che si specchiava nelle vasche d’acqua e con le superfici candide degli edifici che scintillavano agli ultimi raggi di sole.
valencia ciutat de les arts
I tanti edifici che compongono la Ciutat de les Art i le Ciencies ospitano il Palau de les Arts, il Museo delle Scienze, un acquario tra i più grandi in Europa (ma non mi piacciono gli animali rinchiusi) e un planetario con cinema Imax, che è dentro l’Hemisfèric, la poetica struttura dalla forma di occhio umano la cui palpebra mobile si schiude per regolare l’afflusso di luce all’interno.
Nella grande vasca d’acqua di fronte all’Hemisfèric c’erano delle grandi bolle di gomma dove si poteva entrare dentro per rotolare sull’acqua per qualche minuto, mi sarebbe piaciuto provarle ma la mia idea è stata bocciata!
valencia ciutat de les arts
Dopo aver passeggiato in lungo e in largo per la Ciutat de les Arts i les Ciències siamo passati attraverso l’Umbracle, un giardino racchiuso da archi che sembrano costole di un gigante, e che sotto di sé nasconde un parcheggio a due piani. L’impressione è quella di essere nella pancia di una balena dove cresce un rigoglioso giardino, con il cielo sopra la testa e una visuale prospettica da paura. Non male eh?
Curiosi di scoprire cos’altro ho fatto e visitato in città? Leggete il mio post su un weekend a Valencia!
valencia ciutat de les arts

Può interessarti anche:


Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *