Cosa rende speciale il Brighton Pier?

Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

brighton-pier-giostre
Il Brighton Pier la prima sera se ne stava lì in bella vista, fuori dalla finestra del mio ostello, tormentato dal vento e sferzato dalle onde, chiuso al pubblico a causa del maltempo ma tutto illuminato e sbrilluccicante. La mia tentazione al neon: un luna park kitsch costruito sopra ad un molo che si spinge sul mare, pieno di vecchie giostre, cibo spazzatura e sopra al quale aleggia costantemente un’atmosfera di vaga decadenza, come se avesse visto tempi migliori.
Come una bimba mi sono addormentata guardando la ruota panoramica e il padiglione in stile indiano con la sua cupola piena di lampadine accese, sperando che l’indomani il meteo fosse abbastanza clemente da far funzionare le montagne russe e tutto il resto.
brighton pier
La mattina dopo in effetti il tempo era migliorato, ma c’era ancora così tanto vento che le montagne russe, i tronchi, l’horror hotel e tutte le altre giostre all’aperto erano chiuse – mannaggia, ho sempre un sacco di sfiga quando si tratta di lunapark e meteo.
Ma io e Giulia siamo andate comunque sul Brighton Pier, dove ho fatto le seguenti, entusiasmanti cose:
brighton pier

appena sposate sul brighton pier

  • Ho fatto una foto in un cartonato col buco per la testa (quanto mi piacciono i cartonati col buco per la testa, prima o poi ci dedicherò un post monografico).
  • Ho dato da mangiare ai gabbiani giganti e minacciosi che spadroneggiano intorno ai chioschi del cibo.
  • Ho mangiato una caramella Brighton Rock e non mi sono spaccata un dente.
  • Ho ammirato il panorama di Brighton dominato dalla grande ruota panoramica, dal mare.
  • Ho provato l’ebbrezza del gioco d’azzardo buttando 5 sterline in quei giochini dove devi lanciare le monetine su un piano per far cadere giù altre monetine e piccoli premi, e ho vinto un meraviglioso portachiavi di gomma souvenir di Brighton.
  • Ho rosicato un sacco guardando le bellissime attrazioni esterne, drammaticamente ferme, come le montagne russe (sembravano piccole ma intense) e la giostra con i cavalli.
brighton pier

sono cattivo e affamato

Morale della favola: Il Brighton Pier non ha nessuna caratteristica o attrazione specifica che lo renda particolare, unico e diverso dagli altri luna park, però lo è. Non è all’avanguardia ed è piccolino, non ci sono nuove tecnologiche attrazioni che attraggono gli appassionati dei grandi parchi di divertimento, ma il suo richiamo è irresistibile. Il Brighton Pier è speciale a modo suo, è romantico e kitsch, l’atmosfera complessiva che si respira è un po’ straniante ma anche affascinante, e non saprei davvero spiegarlo meglio.

Basta poco per farmi contenta, nonostante non abbia fatto neanche un giro sul rollercoaster il Brighton Pier mi è piaciuto molto, quasi quanto Coney Island (che tutto sommato è meglio, ma in qualche maniera me la ricorda un po’). Se volete scoprire cos’altro ho fatto in questa città balneare inglese fuori dal comune, leggete anche il post dedicato a cosa fare a Brighton.
brighton pier

morta di freddo sul brighton pier

brighton pier

Helter skelter

brighton pier

Suricati punk in premio nelle macchinette

brighton pier

il carro della chiromante

Può interessarti anche:


Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

5 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *