Chioggia, la laguna veneta che non mi aspettavo

Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

cosa visitare chioggia
Chioggia è stata la sosta più interessante del mio giro in barca nella Laguna Veneta, abbiamo fatto una lunga passeggiata partendo dal porto e addentrandoci nei vicoli per raggiungere il piccolo ma delizioso centro storico, pieno di colori, di acqua, di piccoli ponti, di barche e di approdi, di architetture lagunari e di finestre fiorite, di biciclette.
A differenza di Venezia non è composta da una serie di isole, ma è attaccata alla terra e attraversata da due canali, e le differenze tra Chioggia e Venezia non finiscono qui: a Chioggia non è ancora arrivato il turismo di massa ed è piacevolmente tranquilla, ma arriva invece il pesce più buono e fresco della laguna.
cosa fare chioggia
Sicuramente Chioggia mi è piaciuta così tanto perché ho potuto visitarla guidata da un ragazzo chioggiotto, Roberto, innamorato della sua città e dotato anche della capacità di saper trasmettere agli altri lo stupore e l’amore per Chioggia.
Inoltre invidio moltissimo Roberto perché lui ha un bar in casa dove invitare gli amici (sogno di molti di noi), un vero e proprio bar col bancone e tutto dove ci ha offerto un’ombra di vino, al piano terra della sua casetta con un camino conico tradizionale, in un vicolo di Chioggia tutto colorato che sbocca sul porto.
chioggia mercato pesce gabbiani
Abbiamo passeggiato lungo il Canal Vena che attraversa il centro storico, passando davanti alla semplice ed elegante cattedrale e al mercato del pesce, pieno di gabbiani evidentemente satolli appollaiati sui pali di legno, fino ad attraversare il Ponte Vigo, decorato con marmi d’Istria e con quattro leoni. Davanti al ponte c’è piazza Vigo, con al centro una colonna con altro leone sul capitello, e la leggenda vuole che quest’ultimo, chiamato il gatto di Chioggia, fosse un leone scappato da Venezia e inseguito da altri quattro leoni veneziani. Il gatto si rifugiò in cima alla colonna, e i quattro leoni che non potevano raggiungerlo diventarono di pietra nella lunga attesa alle testate del ponte.
chioggia ponte vigo leoni
uno dei leoni del Ponte Vigo
Poi abbiamo percorso Corso del Popolo, pieno di negozietti e ristoranti, dove si stavano allestendo gli stand per il Palio della Marciliana. Peccato non aver potuto assistere anche alla rievocazione storica, ma spero proprio di tornarci.
visitare chioggia
Corso del Popolo
cosa vedere chioggia
Voglio tornare a Chioggia anche per andare di nuovo a trovare Jackie e magari fermarmi a pranzo da lui. Jackie è un personaggio straordinario nel senso che è proprio extra-ordinario, ha passato mille avventure – fatevele raccontare da lui, ne vale la pena – e vive in una casa che è un mix tra un freak show e un museo delle curiosità: è stracolma di oggetti di ogni tipo, dalle casse da morto alle statue delle divinità indù, fino ad un gatto imbalsamato. Chi gli è simpatico può fermarsi a pranzo o a cena e lasciare un’offerta libera per il pasto, magari potrebbe capitare il privilegio di sedere sulla bara che funge da panca in sala da pranzo.
chioggia jackie tonight
Jackie
ciclista urbana bicicletta chioggia
ciclista urbana a Chioggia
cosa fare a chioggia
visitare chioggia turismo

Può interessarti anche:


Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 commenti

  • Sono felice che ti sia piaciuta Chioggia, io provengo da quelle parti. Quando il cielo è limpido si vedono le Dolomiti sulla laguna, una vista meravigliosa 🙂
    Comunque hai fotografato una delle poche cicliste urbane senza bici elettrica: a Chioggia spopola!

    Un bacio

    • claudia garage

      Ciao Giulia, grazie per il tuo commento. Mi è piaciuta così tanto che sto pensando di tornare presto dalle vostre parti 🙂
      Ma sai che anche a Livorno la bici elettrica spopola di brutto! Qui a Firenze invece no, forse perché sono molto più a rischio furti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *