Damstredet: il lato più antico di Oslo

Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

damstredet oslo
A pochi chilometri dal moderno centro di Oslo c’è la Damstredet, uno stretto vicolo che corre in salita, fiancheggiato da deliziose casette di legno dipinte a colori vivaci risalenti al settecento.
Mentre si cammina in questo angolo di città immerso nel silenzio sembra di fare un salto indietro nel tempo: l’atmosfera è da cartolina, pochi metri di poesia pura, ed alcune tra le case di legno più belle (e costose) di Oslo.
damstredet oslo
Il contrasto con il resto della città è forte: se si confronta la Damstredet con il centro cittadino, così moderno e in continua evoluzione, sembra di trovarsi in due città diverse e in due epoche storiche differenti, finite l’una accanto all’altra per lo sbaglio di uno scienziato pazzo. Non stupisce che oggi la Damstredet sia diventata la strada preferita dagli artisti.
damstredet oslo
A pochi minuti a piedi dalla Damstredet c’è anche il grande cimitero Var Frelsers Gravlund: un bellissimo giardino pieno di lapidi di pietra scolpite. Il cimitero è vissuto dai norvegesi come un vero e proprio parco pubblico, e vengono qui a fare jogging o a camminare con i propri cani. Vale la pena farci una passeggiata per cercare, tra le tante tombe, quelle di illustri abitanti di Oslo come Edward Munch e Henrik Ibsen. La seconda volta che sono stata ad Oslo ho visitato il cimitero di Var Frelsers di inverno, ricoperto di neve, ed era ancora più romantico e affascinante.
damstredet oslo

il cimitero di Var Freslers dove è sepolto Edward Munch

La Damstredet è situata a nord-est del centro, da cui si raggiunge a piedi in quindici-venti minuti: la strada è tutta in salita, ma visti i prezzi dei biglietti di autobus e tram a Oslo è molto probabile che come me sceglierete di farvela a piedi! Se cercate consigli per organizzare un viaggio ad Oslo forse potrebbe esservi utile il mio articolo su come viaggiare in Norvegia low cost.
damstredet oslo

Può interessarti anche:


Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

3 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *