visita guidata alla Rietveld-Schroeder House

Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

rietveld-schroeder house utrecht
Dopo diversi tentativi andati a vuoto, negli anni passati, a gennaio sono finalmente riuscita a visitare l’interno della Rietveld-Schroeder House di Utrecht, dichiarata patrimonio mondiale dell’umanità dall’UNESCO, e ne è valsa assolutamente la pena.
Si può entrare nella casa solo con una visita guidata, che va obbligatoriamente prenotata telefonicamente o presso il Centraal Museum (dove si ritirano i biglietti); possono entrare solo un numero limitato di persone alla volta, e devono calzare le apposite pattine sopra alle scarpe per non rovinare i pavimenti. Quindi bisogna organizzarsi, non è una visita che si può decidere all’ultimo minuto.
rietveld-schroeder house utrecht
Al vicino visitor center vengono fornite le pattine copri-scarpe, le indicazioni per la visita (che in pratica consistono in una sola con variazioni sul tema: non toccare nulla, non sedersi, non appoggiarsi) ed un’audioguida nella propria lingua, poi si parte per la visita in compagnia di una guida in carne ed ossa.
Il tour della Rietveld-Schroeder House dura circa un’ora, le spiegazioni sono affidate solo alla registrazione audio, mentre la guida indica i vari dettagli, fa scorrere pareti, apre porte e finestre, ribalta pannelli; perché Rietveld in questa casa ha voluto creare uno spazio estremamente funzionale e flessibile, pensato su misura per la famiglia che vi abitava.
La famiglia era composta dalla signora Ruut Schroeder, grande sostenitrice del movimento Der Stijl e di Rietveld stesso, e dai suoi tre figli. Il marito era morto da poco quando la signora Schroeder commissionò la sua nuova abitazione a Rietveld, e l’architetto non si limitò a progettare la casa: dopo poco tempo la signora gli concesse l’uso di una stanza come studio privato, e poi i due si fidanzarono, così Rietveld abitò e lavorò fino alla sua morte nella sua creazione più famosa – per la gioia dei tre figli della Schroeder, che odiavano sia la casa che l’architetto.
rietveld-schroeder house utrecht
L’arredamento è quasi tutto su misura, progettato da Rietveld proprio per questa casa – egli era anche un falegname e un designer – con l’aggiunta di alcune tra le sue opere di design più famose, come la sedia e il tavolino Red and Blue e la sedia Zig Zag. Le sedie della casa sono originali, quindi non ci si può sedere, ma ci sono delle riproduzioni nel visitor center, e vi assicuro che sono molto scomode.
Le soluzioni per uno spazio flessibile sono particolarmente stupefacenti al primo piano, che è in pratica un open space con cucina, zona living e zona notte, dove i vari ambienti possono essere chiusi facendo scorrere dei pannelli, ottenendo decine di combinazioni diverse. Soluzioni molto ingegnose, ma pratiche soltanto nella mente dell’architetto: in realtà ci si accorge presto che lo spazio è ben poco, e si pongono dei grossi problemi di privacy. Basti pensare che l’unico bagno della casa è accessibile solo passando dalla camera da letto della signora Schroeder, e per usarlo bisogna estrarre una parete: una soluzione molto scomoda, perchè i tre figli ogni volta che volevano andare in bagno di notte dovevano passare dalla stanza dove dormiva la madre.
rietveld-schroeder-house-utrecht-1
Anche chi non è particolarmente esperto di architettura può apprezzare la visita, le guide sono preparatissime e ben organizzate, i dettagli architettonici della casa sono spiegati in modo semplice e le ingegnose soluzioni per modificare lo spazio vengono messe in funzione e direttamente mostrate ai visitatori.
La casa oggi è circondata da altre case a schiera della periferia di Utrecht e di fronte passa un’autostrada, ma bisogna immaginarla com’era nel 1924, quando era oltre il confine cittadino, immersa nella campagna olandese, ed in strettissimo rapporto con il paesaggio.
Il biglietto per la Rietveld-Schroeder House costa 12 euro, si acquista presso il Centraal Museum e comprende anche la visita del museo.
Se cerchi altre opere di Rietveld a Utrecht ti consiglio di leggere il mio post dedicato al Garage con Casa dell’Autista.
rietveld-schroeder house utrecht

Di fronte alla Rietveld House c’è un sottopassaggio: l’interno è stato rivestito con piastrelle di ceramica bianca e azzurra, un piccolo tributo al design olandese delle sedie, tra cui c’è anche la sedia progettata proprio da Rietveld e che fa il paio con la casa.

Prins Hendriklaan 50
Utrecht
+30 236 2310
aperta dal mercoledì alla domenica, solo su prenotazione.

Può interessarti anche:


Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

3 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *