Rotterdam, un giro per il Museumpark

Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Istituto Olandese di Architettura Rotterdam
Istituto Olandese di Architettura, Rotterdam

Durante la mia vacanza a Utrecht abbiamo fatto una gita di un giorno a Rotterdam, come l’ha definita Francesca “la città meno olandese dell’Olanda”.

Siamo state piuttosto sfortunate nello scegliere il giorno, perché c’era una manifestazione che occupava tutte le principali vie della città, una corsa motociclistica di cui noi ovviamente non sapevamo nulla. Così la maggior parte dei posti che volevo vedere erano chiusi o irraggiungibili a causa delle strade transennate anche ai pedoni. Come al solito un clima umidiccio e piovigginoso ha accompagnato i miei viaggi…
In pratica tutto quello che siamo riuscite a fare è stata una passeggiata nel Museumpark, un bel parco (a parte i numerosi cantieri da aggirare, alcune parti sono ancora in fase di realizzazione) in cui si incontrano musei dalle architetture contemporanee come il Kunsthal, il Nederlands Architecture Institute e la vicina Sonneveld House, la casa-museo simbolo dell’architettura funzionalista olandese. Tutto chiuso, mannaggia!
Anche i due ponti principali della città, l’Erasmusbrug ed il Willemsbrug erano chiusi, e li ho potuti vedere solo da lontano, passeggiando lungo Boompjeskade.
Abbiamo visitato anche l’interno delle Case Cubo, ma di quelle vi racconterò più avanti 🙂
Istituto Olandese di Architettura Rotterdam
Istituto Olandese di Architettura, Rotterdam
Nederlands Architecture Institute Rotterdam
Nederlands Architecture Institute
Kunsthal Rotterdam Paesi Bassi
Kunsthal, Rotterdam
Kunsthal Rotterdam Paesi Bassi
Kunsthal, Rotterdam
Sonneveld House Rotterdam Olanda
Sonneveld House, Rotterdam
Sonneveld House, Rotterdam Olanda
Sonneveld House, Rotterdam

Può interessarti anche:


Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 commenti

  • …ma lo sai che io ho voluto alloggiare a Rotterdam 5 giorni nel nostro soggiorno perché volevo vedere diversi edifici in città oltre perché sembrava comodo per spostarsi nelle varie tappe lì attorno. In effetti è una città atipica, un giorno è deserta e l’altro per una manifestazione strabuzza di gente!!
    Ma la cosa buffa è che mi sono scordata di vedere proprio una delle mie mete ambite! il Kunsthal! e pensa che siamo andati a passeggio in zona e anche a vedere la collezione Boijmans, stupenda!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *