Cerro di Santa Catalina. Un elogio dell’orizzonte sull’oceano

Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

cerro di santa catalina gijon

Passeggiando per il quartiere storico di GijonCimadevilla sono arrivata al Cerro di Santa Catalina, nei suggestivi minuti prima del tramonto, e mi sono goduta un bellissimo tramonto sull’oceano e una serata profumata e piena di promesse.
Il Cerro di Santa Catalina è un parco pubblico veramente notevole per diverse ragioni: innanzitutto per la posizione pazzesca, in cima ad un promontorio che si tuffa a picco nell’oceano, le vecchie case tradizionali di Cimadevilla alle sue spalle.
Come potete immaginare la vista da qui è semplicemente spettacolare.

cerro di santa catalina gijon

Il punto panoramico così caratteristico è stato valorizzato con una grande scultura di cemento armato realizzata dallo scultore basco Eduardo Chillida. La scultura si chiama Elogio del Orizonte, ma è stata ironicamente soprannominata dagli abitanti di Gijon “il water di King Kong” per la sua forma che in effetti ricorda un water gigante 🙂
L’elogio del Horizonte è enorme e massiccio, dalla forma semplice e incisiva, sicuramente d’impatto, infatti è diventato in breve tempo il simbolo di Gijon, un’icona contemporanea e molto riconoscibile.

cerro di santa catalina gijon

Mettendosi al centro della scultura di Chillida e guardando l’oceano si ha un effetto ottico per cui la linea dell’orizzonte sembra molto più alta rispetto alla terra, una strana sensazione accentuata dal fatto di trovarsi in cima ad una alta scogliera. Naturalmente l’ho provato, e posso confermare che l’effetto ottico si verifica davvero, la sensazione è particolare e molto suggestiva!

Percorrendo i sentieri del parco si incontrano le tracce della funzione originaria di quest’area, ovvero un’antica fortezza militare di origine romana.

Il Cerro di Santa Catalina è piuttosto diverso dai parchi a cui siamo abituati in Italia: solo grandi prati verdi e qualche basso cespuglio. Probabilmente altre piante non resisterebbero ai venti e all’assalto dell’oceano in tempesta, ma questo accentua la sensazione di vastità che si prova stando sospesi tra terra, cielo e oceano.

Se stai cercando altri suggerimenti ti consiglio di leggere anche il mio post dedicato a cosa visitare a Gijon.

Può interessarti anche:


Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *