museo della Storia del Castello di Praga

Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il museo della Storia del Castello di Praga è ospitato all’interno del Convento di San Giorgio, dentro al perimetro del castello di Praga. Si accede al museo da un grazioso cortile gotico posto ad un livello inferiore e situato dietro all’abside della cattedrale di San Vito. L’ingresso al museo è a pagamento, ma non è possibile fare un biglietto solo per questo, ci sono biglietti cumulativi con le altre attrazioni del castello. C’è anche un biglietto cumulativo parziale, ma io ho fatto quello completo per tutte le attrazioni, il prezzo è molto conveniente (intero costa meno di 10 euro) e con la riduzione studenti costa quasi la metà.

Le sale dell’ex convento di San Giorgio sono davvero belle e suggestive, con massicce volte in pietra, archi e pavimenti antichi. L’esposizione testimonia, attraverso centinaia di reperti, l’evoluzione storica dell’area del Castello di Praga, abitata fin dalla preistoria e per tutti i secoli successivi. All’ingresso un grande pannello traccia una breve cronologia dei popoli e degli eventi storici che ebbero teatro qui, e consiglio di darci una veloce ma attenta lettura.
Seguendo l’esposizione nella prima sala si possono ammirare reperti trovati nell’area del castello risalenti al periodo preistorico e all’antichità, oltre che due plastici della collina fatti veramente bene. Delle colonnine interattive col touch screen permettono di vedere un’immagine tridimensionale, un’assonometria dell’area con l’evoluzione del castello secolo per secolo, ed è veramente interessante per capire la crescita e lo sviluppo di questo nucleo.
la misteriosa lunetta: perchè le due parti laterali sono più corte di quella centrale?
La parte più interessante della collezione è però quella relativa al medioevo e rinascimento, con migliaia e migliaia di reperti di ogni tipo: da alcune parti della cattedrale di San Vito danneggiate e sostituite ai modelli per realizzare i gargoyles della stessa. Dalle decorazioni in pietra della chiesa di san Giorgio, recuperate dopo le varie distruzioni, tra cui una lunetta dalla forma misteriosa, agli stemmi nobiliari del palazzo, dagli abiti usati da importanti personaggi storici ai manoscritti miniati, fino ai sarcofagi scolpiti dei re.
Molto interessante la parte dedicata alle sepolture: sono stati riportati alla luce ed esposti sotto teca due scheletri risalenti all’alto medioevo, sepolti con mani e piedi legati e con un bel pietrone sopra, onde evitare che tornassero come zombie. Dovevano avere parecchia paura degli zombie perché anche l’immagine di un manoscritto raffigura dei morti che si risvegliano dalle bare…
Davvero curiosa e interessante anche la parte dedicata al sistema di riscaldamento ad aria calda del castello, uno dei primi della storia: è possibile vedere anche una parte dei condotti del sistema che passa proprio dentro al convento. Una sala invece è interamente dedicata ai forni della cucina in terracotta, e ai loro coperchi, spesso delle piccole opere d’arte quotidiana, formelle quadrate scolpite e smaltate con immagini di vita quotidiana, animali fantastici, stemmi di famiglia, motivi floreali…
antico manoscritto con immagine di zombie che si risvegliano al cimitero

L’esposizione è piuttosto lunga ma interessante, ogni reperto è corredato da pannelli informativi che lo spiegano in dettaglio, in ceco ed in inglese, e ci sono anche dei piccoli pannelli quadrati rivolti ai bambini, con un linguaggio più semplice e spunti didattici.
A me è piaciuto molto questo museo, è un approfondimento significativo durante la visita del castello di Praga, forse non è l’attrazione più rilevante del castello, ma sicuramente vale la pena di essere visitato, anche perché se la visita è compresa nel biglietto cumulativo, perché non approfittarne?

Può interessarti anche:


Condividi il viaggio!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *